Taxi a due piazze con Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia al Teatro Marconi

Un classico della commedia brillante in cui scambi di persona, suspense, ritmi mozzafiato, doppi sensi e situazioni al limite del paradosso garantiscono due ore di puro divertimento. È Taxi a due piazze, spettacolo nato dall’ironica penna del commediografo inglese Ray Cooney, che Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia porteranno in scena dal 3 al 15 maggio 2016 al Teatro Marconi.

La pièce ha debuttato a Londra 31 anni fa ed è rimasta in scena senza interruzioni fino al 1992. In Italia divenne subito popolare con Johnny Dorelli nella versione di Garinei e Giovannini, in seguito con suo figlio, Gianluca Guidi, prima diretto da Gigi Proietti e poi regista lui stesso.

In questa nuova messa in scena, sulla versione italiana di Jaja Fiastri, Guidi, che cura anche le musiche, è ancora regista e guida un cast affiatato formato da Renato Cortesi, Silvia Delfino, Francesca Nerozzi, Riccardo Bocci e Piero di Blasio. La produzione di Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro si avvale delle scene di Nicola Cattaneo, le luci di Stefano Lattavo e i costumi di Lisa Gastoni.

La trama

Il protagonista di Taxi a due piazze è il tassista Mario Rossi (interpretato da Gianluca Guidi), uomo dall’aspetto ordinario, vita semplice, bella casa, moglie innamorata, abitudini consolidate. Una vita talmente serena che Mario l’ha moltiplicata per due! Bigamo soddisfatto, infatti, vive con la moglie Carla (Silvia Delfino) a piazza Risorgimento e con la moglie Barbara (Francesca Nerozzi) a piazza Irnerio. Grazie ai turni del suo lavoro e ad una pianificazione perfetta di orari e spostamenti, tutto scorre felicemente, con le due donne totalmente inconsapevoli l’una dell’altra. Quando però, a causa di un banale colpo alla testa, il tassista viene ricoverato in ospedale e fornisce due indirizzi di residenza diversi, iniziano i guai.

Tra giornalisti curiosi, vicini di casa invadenti e ispettori di polizia chiamati ad indagare, la situazione si complica e da qui in poi sarà tutto un susseguirsi di equivoci, coincidenze, bugie a catena, scambi di identità, brillanti trovate e scombinati errori nel tentativo forsennato e sempre più difficile di nascondere la verità. Un crescendo inarrestabile di situazioni assurde e di ritmo incalzante che porteranno a un finale brillantemente spiazzante. Al fianco di Mario Rossi, Walter Fattore (interpretato da Giampiero Ingrassia), sfaccendato vicino di casa che, saputa la verità sulla bigamia dell’amico, si ritroverà suo malgrado complice e protagonista delle situazioni più comiche e imbarazzanti.

V. Z.

Condividi!

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Coronavirus, parla Meluzzi: “Ora serve solo un reset generale o l’Italia in trappola”

"Ad oggi la Ue, e cioè le istituzioni europee e gli Stati membri, hanno mobilitato…

03/04/2020

Paolo Fox, oroscopo di oggi 3 aprile e weekend 4 e 5 aprile 2020

Scopriamo l'oroscopo di oggi, venerdì 3 aprile e quello del weekend, con le previsioni di…

03/04/2020

L’urgenza di provvedimenti a sostegno dell’economia e a protezione degli assets strategici nazionali

L’Italia è stato il primo paese europeo ad essere travolto dalla pandemia, ma rischia di…

02/04/2020

Virus docet. Rai, le cose che non dice. Floris, le domande che non fa

Adesso la preoccupazione di tutti gli osservatori e gli esperti è che inesorabilmente, inevitabilmente, la…

02/04/2020

Pornhub e l’Inps, duello a colpi di tweet e satira: cosa sta accadendo

L’ironia di PornHub contro la crisi dell’Inps: addirittura ora il sito porno più famoso del…

02/04/2020

Coronavirus, parla Bruzzone: “Ora attenti al fattore ‘D’. Può colpire chiunque”

L'emergenza coronavirus, oltre a problemi di carattere sanitario, sta comportando seri disagi economici con il…

02/04/2020