AL VIA A TRIESTE IL FORUM MONDIALE DEI GIOVANI “DIRITTO DI DIALOGO”

Saranno una cinquantina di giovani studiosi dai 18 ai 35 anni, provenienti da tutto il mondo, i protagonisti della IX edizione del Forum mondiale dei Giovani “Diritto di Dialogo”, al via a Trieste dal 29 settembre al 2 ottobre 2016.
Nato dalla volontà di affermare il “diritto di dialogo” come “diritto fondamentale”, il Forum è realizzato dall’Associazione “Poesia e Solidarietà” (Trieste) in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile, diretto dalla professoressa Gabriella Valera, e col Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste. Si rivolge ai giovani come classe dirigente del futuro, interlocutori privilegiati per la costituzione di modelli culturali solidali e aperti.
“Lavoro. Storia, culture, diritti”, ovvero le trasformazioni che hanno investito il mondo del lavoro nel Terzo Millennio, è il tema su cui quest’anno i giovani partecipanti sono stati chiamati a interrogarsi: sono stati selezionati 50 saggi, tra gli oltre 200 giunti da ogni angolo del globo in risposta al “call for paper 2016”, che saranno oggetto di dibattito con gli autori nelle giornate di studio del Forum.
Saranno 31 i Paesi rappresentati (dall’Europa Orientale – Ucraina, Polonia, Russia, Lituania, Albania, Turchia, Croazia, Macedonia, Romania -, all’Africa – Ghana, Marocco, Congo, Nigeria, Zimbabwe -, dall’Asia – India, Indonesia, Nepal, Kirghizistan, Bangladesh, Giappone -, alle Americhe – Canada -, al Medio Oriente – Iran e Iraq): gli interventi offriranno una visione poliprospettica e multisfaccettata del tema in esame.
In essi si cercano di enucleare le principali trasformazioni che hanno investito il mondo del lavoro, i valori e l’identità dei nuovi lavoratori: il lavoro digitale, la sharing economy, la flessibilità, il lavoro informale, le migrazioni transnazionali alla ricerca di un’occupazione.
Nell’ultima sessione d’incontro si discuterà del rapporto fra lavoro e perdita di diritti: i tangibilissimi diritti economici, ma anche diritti molto più intangibili, connessi con la perdita dell’identità e delle proprie radici. Tutti gli interventi saranno proposti in lingua originale, con traduzione simultanea in inglese e italiano.

V. Z.

Questo articolo è stato modificato il 17/01/2018 21:10

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull'asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo…

19/02/2020

Intelligenza artificiale (AI): il futuro è adesso

Dall’introduzione delle nuove tecnologie, il settore sanitario sta subendo notevoli trasformazioni. Uno studio della Stanford…

19/02/2020

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma…

19/02/2020

IL DELITTO MATTARELLA” di Aurelio Grimaldi arriva in sala

Esce nei cinema -  ogg 19 marzo 2020, distribuito da Cine1 Italia, “Il Delitto Mattarella” per…

19/02/2020

Lo smart working e il mito della Fata Morgana

Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico…

18/02/2020

Parla Rinaldi (Lega): “Così il coronavirus può far implodere l’euro”

Il coronavirus sta creando seri problemi all'economia cinese e rischia pure di favorire l'implosione dell'euro.…

18/02/2020