#Trenord, treno deragliato: scoppia la rabbia social. L’incubo è quotidiano

E’ inconcepibile morire per aver preso un treno che ti sta portando a lavoro, la rabbia social si fa strada accanto al dolore e al cordoglio. Il treno proveniente da Cremona e diretto a Milano Porta Garibaldi deragliato tra Treviglio e Pioltello è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso. L’ira è scattata quando Trenord, per motivare i disagi alla circolazione, ha twittato: “Circolazione interrotta tra Treviglio e Milano a causa di un inconveniente tecnico ad un treno. Per ulteriori info: http://bit.ly/1SEc1Zq”. La comunicazione è sbagliata e lo scandalo è servito.

Reazioni – “Non è la cosa più grave. Però è triste che gli altoparlanti a Milano porta Garibaldi continuino a definire quello che è successo a Pioltello come un ‘inconveniente'”, si legge su Twitter. Lo scrive Riccardo Saporiti. @Deddinx accusa: “L’inconveniente è stato assumere chi vi cura i social media”. Poi Rachele Rodolfi @rachyrod prosegue: “… #Trenord non è famosa per l’attenzione al cliente. Non hanno la più pallida idea di che voglia dire essere pendolare”. Duro il commento di @Psikik90: “10 vittime e più di 100 feriti, un disastro che la Lombardia non vedeva da tempo e voi lo chiamate INCONVENIENTE tecnico. Schifo”.

Intanto #Trenord è diventato un hashtag trendtopic su Twitter, per il “linguaggio disumano” utilizzato come accusa Serafino Bandini. Non mancano gli insulti.

Altra gaffe- Un’altra espressione usata dalla società è entrata tra le parole più twittate della mattina: “Svio di un treno”. Ma non si chiamava deragliamento? E tra l’altro non il primo. Stiamo parlando di un convoglio sul quale viaggiavano lavoratori e studenti pendolari, che purtroppo richiama alla memoria le drammatiche immagini del 12 luglio del 2016, quando in Puglia, tra le stazioni di Andria e Corato, si verificò uno scontro fra treni che porto’ alla morte di 23 persone e il ferimento di decine di passeggeri.

Numeri telefonici – Intanto, è bene diffonderlo, sono state attivate delle linee telefoniche dedicate per i parenti dei viaggiatori presumibilmente presenti sul treno: 02 77584184 e 02 77584892.

Viaggiare come pendolari in Italia – Per capire i disagi quotidiani che devono affrontare i pendolari, siano essi lavoratori o studenti, basta ricordare il terrore sul treno regionale 2321 Ancona-Roma riportato ieri dai giornali. Due stranieri erano saliti ubriachi e avevano cominciato ad insultarsi e a ferirsi con i vetri di una bottiglia in frantumi. Botte e fendenti al volto e alla braccia.

Un vero e proprio incubo finito a Foligno dove li attendevano le forze dell’ordine e un’ambulanza. Sulle pareti e i sedili tracce di sangue e vetri, ecco cosa rimane come ricordo.

Questo articolo è stato modificato il 25/01/2018 23:00

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Faccia a faccia Renzi-Conte. Italia Viva studia l’exit strategy

"Matteo Renzi e Giuseppe Conte si vedranno la prossima settimana, per la prima volta dalla…

21/02/2020

Ex LSU, Cafasso (giuslavorista): “Per colpa del governo rischiamo 5000 disoccupati”

"Circa cinquemila lavoratori rischiano la disoccupazione a causa di una norma introdotta dal governo". La…

21/02/2020

A ROMA LA DECIMA EDIZIONE DI RENDEZ-VOUS, FESTIVAL DEL NUOVO CINEMA FRANCESE

Al via, dal 1 all’6 aprile 2020, RENDEZ-VOUS, il FESTIVAL DEL NUOVO CINEMA FRANCESE che…

21/02/2020

Il “Pacchetto Digitale” della Commissione Europea

Ieri l’associazione ha partecipato alla presentazione del “pacchetto digitale” della Commissione Europea. Tale pacchetto, in…

20/02/2020

Skullbreaker Challenge, l’ultimo gioco al massacro degli adolescenti. VIDEO

Al peggio non c'è mai fine, il gusto per l'estremo continua purtroppo a contagiare gli…

20/02/2020

Renzi, il fantasma di Segni e i “due governi” che piacciono solo a Salvini

Renzi ha scelto Porta a Porta per veicolare la sua nuova strategia. Il motivo, logico…

20/02/2020