UN ATOMO DI VERITÀ – Serata in ricordo di Aldo Moro

Ad Aldo Moro, rapito dalle Brigate Rosse il 16 marzo e il cui corpo senza vita fu ritrovato il 9 maggio 1978, dopo 55 giorni di prigionia, in via Caetani, a pochi passi dal Teatro Argentina, sarà dedicata una serata-omaggio per raccontare e ripercorrere la sua vita di grande statista e figura emblematica che ha segnato la Storia dell’Italia contemporanea.

Così, a 40 anni dalla sua tragica morte, giovedì 3 maggio (ore 21) sul palcoscenico del Teatro Argentina UN ATOMO DI VERITÀSerata in ricordo di Aldo Moro di e con Marco Damilano, per la regia di Antonio Sofi e in collaborazione con l’Archivio Flamigni. Un viaggio nella memoria proposto da Marco Damilano, direttore dell’Espresso, che a Moro ha dedicato il suo ultimo libro pubblicato da Feltrinelli.

Parole, documenti mostrati in pubblico per la prima volta, fotografie inedite, immagini, musiche, letture, di Moro, ma anche di Pier Paolo Pasolini e di Leonardo Sciascia. Per riscoprire il politico che ha governato l’Italia per decenni e chiedersi in che modo la sua scomparsa violenta abbia segnato l’Italia nei decenni successivi: la politica, la società, la cultura. Ritrovare Aldo Moro, per cercare qualcosa del nostro passato, e dunque del nostro presente e del nostro futuro. Con il suo ultimo libro, Damilano ha deciso di tornare a quell’istante, per indagare le traiettorie che, a partire da uno dei capitoli più cupi della storia italiana, si sono dispiegate fino a oggi. Con l’aiuto delle carte personali di Moro, in gran parte conservate nell’archivio privato di Sergio Flamigni e non dallo Stato, e rimaste inedite, getta luce sul punto in cui la drastica interruzione di una stagione politica si incontra con le vicende personali di una generazione, che tra il 16 marzo e il 9 maggio 1978 assiste alla fine di un’epoca. Dopo via Fani, secondo Damilano, comincia la lunga fine della Prima Repubblica.

Un racconto autobiografico che attraversa la dissoluzione della Dc, la morte di Berlinguer, la caduta del Muro, Tangentopoli e la latitanza di Craxi in Tunisia, fino all’ultima stagione, inaugurata dalla sua metafora televisiva: il Grande Fratello. Arriva a Berlusconi, a Grillo e a Renzi, i protagonisti di una politica che da orizzonte di senso e di speranza si è fatta narcisismo e nichilismo, cedendo alla paura e alla rabbia. “Via Fani è stato il luogo del nostro destino. La Dallas italiana, le nostre Twin Towers. Il momento che ha cambiato tutto. Nel 1978, l’anno di mezzo tra il ’68 e l’’89. Tra il bianco e nero e il colore. Lo spartiacque di diverse generazioni che cresceranno tra il prima e il dopo: il tutto della politica – gli ideali e il sangue – e il suo nulla.”

Condividi!

Questo articolo è stato modificato il 01/05/2018 10:24

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Aidr: “Il dovere alla solidarietà”

Stiamo vivendo un momento tragico senza precedenti. Ci sentiamo tutti dentro una tempesta senza via…

31/03/2020

Oroscopo di Paolo Fox: come va la prima settimana di APRILE

Inizia il mese di aprile. Scopriamo come trascorrerà la prima settimana con le previsioni di…

31/03/2020

Oroscopo Coronavirus: chi lo aveva previsto, cosa prevede, quanto durerà

Nessuno quando è iniziato il 2020 si sarebbe aspettato che nel giro di pochi mesi…

31/03/2020

APRILE 2020, oroscopo di Ada Alberti: le previsioni del mese dell’astrologa

L'astrologa Ada Alberti con il suo Oroscopo 2020 ci svela cosa ci attende in questo…

31/03/2020

I segreti di APRILE nell’oroscopo di Branko: come sarà il nuovo mese

Sta iniziando un nuovo mese, il mese di aprile che risveglia la natura, il tepore,…

31/03/2020

Cosa ci aspetta ad APRILE 2020? Ecco l’oroscopo di Paolo Fox

Inizia il mese di aprile, la primavera entra nel vivo. Paolo Fox, con le sue…

31/03/2020