Aquarius, parla Meluzzi: “Salvini sta sfidando lobby potenti e pericolose”

Interviste

Porti italiani chiusi ai migranti, continua il braccio di ferro fra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e Malta. La nave Aquarius con a bordo oltre 600 persone resta ferma in mezzo al mare in attesa di ricevere ordini di sbarco. Una mossa quella di Salvini che trova il plauso dello psichiatra Alessandro Meluzzi che intervistato da Lo Speciale spiega perché è importante questo brusco cambio di passo sull’immigrazione. Nel frattempo però nella maggioranza di Governo sembrano aprirsi delle crepe con il sindaco grillino di Livorno Filippo Nogarin che si è detto pronto ad accogliere Aquarius nel suo porto criticando indirettamente la politica della Lega.

LEGGI SU LO SPECIALE LE POLEMICHE FRA M5S E LEGA SU AQUARIUS

Perché è importante quanto sta facendo Salvini bloccando lo sbarco delle navi cariche di migranti?

“Perché sta finalmente facendo il Ministro dell’Interno difendendo la legalità e l’interesse di questo Paese. Ma cosa ancora più rilevante, sta cercando di assestare un colpo mortale al traffico mafioso dei migranti. Una mafia quella degli scafisti, che ha fondato sul trasporto delle persone in fuga dai rispettivi luoghi di provenienza, il più grande business che si sia mai visto nella storia. Pochi lo sanno, ma per potersi pagare il viaggio c’è chi si è dovuto vendere pure la terra per poter racimolare le cifre esagerate che questi criminali incassano all’atto delle partenze per far raggiungere ai migranti la Libia tramite il deserto e l’Europa via mare. Questi delinquenti, che lucrano sulla pelle della gente,  sanno poi che al di là della Libia c’è chi è pronto a farsi carico di raccogliee i migranti in mare e trasportarli fin sulle coste italiane, dove vengono accolti e assistiti a spese della collettività. Questo meccanismo deve essere interrotto assolutamente perché soltanto bloccando gli sbarchi si potrà contrastare la criminalità che è all’origine di questo processo. Se ne devono rendere conto anche quelle organizzazioni che vanno a salvare la gente in mezzo al mare. Non possono arrivare tutti qui e restarci, questo è ovvio”.

Però c’è chi dice che in questo modo a farne le spese sono i poveracci che scappano, non gli scafisti che li hanno condotti fino al largo delle nostre coste. Non è d’accordo?

“Guardi, qui c’è un dato di fatto, ossia che il traffico dei migranti oggi è molto più redditizio per le mafie rispetto a quello della droga e della prostituzione. Non dimentichiamo che fra le persone che sbarcano in Italia ci sono pure tante donne che poi andranno ad alimentare il mercato della vendita dei corpi sulle strade, e tanti altri poco di buono che si dedicheranno a tante altre illecite attività. Salvini sta cercando di fermare tutto questo. Non so se ci riuscirà perché dovrà sfidare organizzazioni e lobby criminali molto potenti e pericolose, ma sta salvaguardando il nostro futuro e quello dei nostri figli. Ma attenzione, perché così facendo il Ministro dell’Interno sta tutelando anche l’Africa, sempre più esposta, per una sorta di finta filantropia, ad una esportazione di uomini , cose e risorse che sono la base di una distruzione di questi stessi Paesi”.

Il sindaco Nogarin del M5S si è detto pronto ad accogliere la nave Aquarius nel porto di Livorno e di averne parlato con Toninelli e Fico. Segno che nel Governo non tutti condividono la linea di Salvini?

Nogarin e i sindaci di Napoli, Reggio Calabria e Palermo devono ricordare che la difesa dei confini nazionali e la chiusura dei porti non compete loro ma al Governo. Se vogliono accogliere migranti in casa loro privatamente sono liberissimi di farlo, ma non possono pretendere di far sbarcare centinaia di persone nei porti delle loro città contravvenendo alle disposizioni del Viminale. Altrimenti a questo punto il Ministro dell’Interno avrebbe il diritto e l’obbligo di sciogliere questi Comuni e commissariarli”.

Il M5S dopo le elezioni di ieri, pensa avrà interesse a differenziarsi dalla Lega su questi temi?

“Il M5S è stato fino alle elezioni del 4 marzo un movimento sconosciuto, dove convivevano posizioni di destra come di sinistra. Va detto però che il contratto di governo parla chiaramente di contrasto al fenomeno migratorio, quindi questo punto andrà rispettato. Se poi Di Maio non sarà in grado di tenere a bada i propri sindaci il problema sarà soltanto suo. Altrimenti vorrà dire che il Governo cadrà, si tornerà a votare e gli italiani potranno finalmente dare la maggioranza a chi porta avanti la battaglia per avere meno migranti in Italia. Salvini prenderà ancora più voti”.

Le elezioni di ieri sembrano confermarlo. Segno evidente che la sicurezza è percepita anche come strettamente legata ai temi sociali, alla crisi occupazionale e al lavoro precario? Perché invece il M5S continua a perdere consensi?

“Non c’è dubbio, la gente vota Lega perché ha capito che Salvini non è uomo di chiacchiere ma di azione. Prosegue così l’onda sovranista che si intravede ovunque. Il fatto di aver caratterizzato questo Governo in senso fortemente politico fa sì che quelli che avevano votato il M5S come forza antisistema e di protesta per mandare a casa Renzi, di fronte al fatto che i 5S sono andati al potere, probabilmente hanno iniziato a guardare altrove. Questo equivoco prima o poi dovrà sciogliersi. E’ chiaro che il M5S di Di Maio non è lo stesso di Fico anche se per ora hanno raggiunto una perfetta sintesi nella figura del premier Conte, verso il quale ho grande stima e al  quale auguro lunga vita”.

 

Condividi!

Tagged