Fondo per lo sviluppo e la coesione: rifinanziato ma con scarsa performance di spesa

L’ultimo monitoraggio del Fondo per lo sviluppo e la coesione, evidenzia in modo inequivocabile la difficoltà della Pubblica amministrazione nella progettazione e gestione delle gare, soprattutto per quanto riguarda la quota riservata ai Patti per il Sud.

L’Fsc è il fondo nazionale che, insieme ai fondi europei, deve garantire risorse finanziarie aggiuntive per obiettivi di riequilibrio economico e sociale, con una quota minima di utilizzo dell’80% a favore del Mezzogiorno. A differenza dei fondi Ue, però, non è sottoposto a un vincolo di disimpegno automatico che imponga il rispetto dei tempi di spesa.

La Ragioneria dello Stato, nel suo monitoraggio aggiornato al 31 ottobre 2018, traccia pagamenti per appena l’1,5% delle risorse programmate (492 milioni su 32,1 miliardi). Per la sottosezione rappresentata dai Patti per lo Sviluppo siamo all’1,9% (276,6 milioni su 14,3 miliardi programmati).

Tra risorse ripartite dal Cipe per diverse aree tematiche e risorse ancora da assegnare/programmare, la dotazione totale per l’Fsc del periodo 2014-2020 è di 59,8 miliardi.

Oggi la percentuale di spesa sul programmato evidenzia una situazione di allarme anche se altri indicatori, riferiti ai lavori in affidamento (14%) o in corso di esecuzione (22%), sono meno preoccupanti.

I progetti finanziati con i Patti riguardano per il 40% il settore trasporti e infrastrutture, per il 27% l’ambiente e per percentuali molto più basse aree come inclusione sociale, istruzione e ricerca.

La lista dei progetti finanziati e conclusi è riportata dal portale Open Coesion.

Un dato che sorprende e spiega la paralisi di spesa di quello che una volta si chiamava Fas (Fondo aree sottoutilizzate) è che ci sarebbero ben 21 miliardi di residui nel bilancio dello Stato.

Un altro problema che viene alla luce è quello dell’utilizzo «improprio». Secondo il decreto legislativo 88 del 2011, che disciplina il funzionamento del Fondo, l’utilizzo deve essere vincolato al finanziamento di progetti strategici di rilievo nazionale. Non sempre però è così.

Condividi!

Questo articolo è stato modificato il 20/03/2019 18:11

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Aidr: “Il dovere alla solidarietà”

Stiamo vivendo un momento tragico senza precedenti. Ci sentiamo tutti dentro una tempesta senza via…

31/03/2020

Oroscopo di Paolo Fox: come va la prima settimana di APRILE

Inizia il mese di aprile. Scopriamo come trascorrerà la prima settimana con le previsioni di…

31/03/2020

Oroscopo Coronavirus: chi lo aveva previsto, cosa prevede, quanto durerà

Nessuno quando è iniziato il 2020 si sarebbe aspettato che nel giro di pochi mesi…

31/03/2020

APRILE 2020, oroscopo di Ada Alberti: le previsioni del mese dell’astrologa

L'astrologa Ada Alberti con il suo Oroscopo 2020 ci svela cosa ci attende in questo…

31/03/2020

I segreti di APRILE nell’oroscopo di Branko: come sarà il nuovo mese

Sta iniziando un nuovo mese, il mese di aprile che risveglia la natura, il tepore,…

31/03/2020

Cosa ci aspetta ad APRILE 2020? Ecco l’oroscopo di Paolo Fox

Inizia il mese di aprile, la primavera entra nel vivo. Paolo Fox, con le sue…

31/03/2020