Digitale, siglato accordo tra magazine Dpm e Aidr

Intesa triennale per la comunicazione di notizie ed eventi

Promuovere la cultura del digitale, in Italia, tramite un progetto di giornalismo partecipativo. È l’obiettivo al centro della collaborazione siglata tra Dpm (Digital professional magazine) e Aidr (Associazione italian digital revolution). Si tratta di un accordo triennale riguardante la comunicazione anche digitale di notizie ed eventi da loro promossi a favore di pmi, liberi professionisti, freelance, associazioni di categoria…

Saranno coinvolti tra i più importanti stakeholders come istituzioni, università, media partners di tutto il mondo della comunicazione digitale: tutto ciò in linea con la mission del nostro magazine, che è stata sempre quella di “informare per formare”.

Un sentito ringraziamento al presidente di Aidr, il dott. Mauro Nicastri, che ha creduto al nostro progetto.

Paola Piscopello, Editore Digital Professional Magazine

Condividi!

Questo articolo è stato modificato il 29/10/2019 13:47

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

“Escape Home” versione digitale di Escape Room che propone di aiutare gli animali

Un animale salvato dalla strada al centro di un mistero tutto da svelare. Arriva "Escape…

08/04/2020

Mes, trattative in alto mare. Gli schieramenti in campo e le proposte

Niente da fare all'Eurogruppo, non c'è accordo fra i Paesi Ue sulle misure da mettere…

08/04/2020

Covid 19, sciacalli ed ‘eugenetica’ politica contro Boris Johnson: società non migliora

Il Coronavirus  non docet. Anzi. Un mese terribile quello del premier Boris Johnson che aveva…

07/04/2020

Intervista al senatore Vito Crimi (M5S)

Continua l’appuntamento di Aidr con le istituzioni per fare chiarezza sulla pandemia. Abbiamo parlato con…

07/04/2020

Complotti. Quando il mondialismo dei banchieri è al capolinea, arriva il Coronavirus

Da quando è scoppiata l’epidemia di Coronavirus, c’è stato un fiorire esponenziale di tante ipotesi…

07/04/2020

Virusdocet. Caro Porro, noi italiani scimmie ammaestrate, ma per cosa?

La puntata di ieri di Quarta Repubblica, ha avuto il merito di non fermarsi allo…

07/04/2020