Le ferite&feritoie di Paolo Capodacqua: parte il tour

Partirà fra L’Aquila e Porto San Giorgio il tour di presentazione di ferite&feritorie, il nuovo album di Paolo Capodacqua che segna il suo felice ritorno alla discografia dopo trent’anni dal suo primo album (Memorabilia) e tanta, tantissima musica condivisa con Claudio Lolli. Appuntamento oggi 9 gennaio alle 21.00 al Teatrabile – Casa del Teatro de L’Aquila (via Ficara -Piazza d’Arti s.n.c. 67100 L’ AQUILA, Info: 329.677 7332 – 0862.785199) e il 10 gennaio a Porto San Giorgio (Fermo) alle 21.00 al Teatro Comunale(Largo del Teatro 1 – 63822 PORTO SAN GIORGIO, Info: 333.4401518) nell’ambito della Stagione Teatrale e della rassegna musicale Canzoni in Porto.

Paolo Capodacqua torna alla discografia firmando ferite&feritoie che esce per Storiedinote.fr, nei doppi panni di editore e label. Una vita spesa per e attorno alla canzone d’autore, Capodacqua ci apre la sua personalissima finestra sulla poesia civile intessendo canzoni ricche di potenti riferimenti letterari (da Riccarelli a Saint-Exupery) e di note intime ed appassionate.

L’album è anticipato dall’emozionante singolo Gli occhi neri di Julia Cortez dedicato alla tenerissima figura della maestrina, l’ultima con cui ha comunicato Che Guevara prima della sua esecuzione. Il singolo è accompagnato da un piccolo gioiello in video firmato da Enzo De Giorgi.

Numerose le collaborazioni che affastellano di preziosismi questo album. Dalla presentazione di Angelo Ferracuti ai contributi di vecchi e nuovi compagni di strada di Paolo: da Roberto Piumini, in voce e testo, a Kay Mc Karthy, passando per Pippo Pollina, Michele Gazich, Flaco Biondini, Nicola Alesini, Roberto Soldati, Giacomo Lelli, fino all’attrice Naira Gonzalez.

ferite&feritoie: un taglio nella tela, un unico taglio nell’anima inteso come punto di vista ambivalente ed empatico per tracciare una humanae historiae che, con lucidità e commovente poesia, ci narra dell’Olocausto e di Giovanni Falcone, di naufraghi della vita e di passaggi esistenziali, di aviatori, segreti amanti e ladri improbabili, ma anche di Julia Cortez, la maestrina de La Higuera che parlò con il Che nei giorni della sua detenzione. Un disco percorso da invenzioni melodiche accattivanti sulle quali si innesta una lingua raffinata e colta, degna della migliore tradizione della Canzone d’autore italiana. Il tutto cucito dai sapienti arrangiamenti del M° Giuseppe Morgante.

Dieci brani originali e una cover in bonus-track, una interpretazione intimista ed originale di un vecchio brano di Francesco Guccini, L’albero ed io, impreziosito dalla chitarra di Flaco Biondini che del cantautore emiliano è stato lo storico chitarrista.
Un disco denso, insomma, controfirmato da un altro ritorno, quello dell’ Etichetta Storie di Note, che da anni opera in Francia e che ha deciso di riaffacciarsi sulla scena musicale italiana proprio con Paolo Capodacqua ed il suo ferite&feritoie.

Questo articolo è stato modificato il 09/01/2020 11:54

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull'asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo…

19/02/2020

Intelligenza artificiale (AI): il futuro è adesso

Dall’introduzione delle nuove tecnologie, il settore sanitario sta subendo notevoli trasformazioni. Uno studio della Stanford…

19/02/2020

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma…

19/02/2020

IL DELITTO MATTARELLA” di Aurelio Grimaldi arriva in sala

Esce nei cinema -  ogg 19 marzo 2020, distribuito da Cine1 Italia, “Il Delitto Mattarella” per…

19/02/2020

Lo smart working e il mito della Fata Morgana

Avete presente il mito della Fata Morgana, quello da cui prende nome il fenomeno fisico…

18/02/2020

Parla Rinaldi (Lega): “Così il coronavirus può far implodere l’euro”

Il coronavirus sta creando seri problemi all'economia cinese e rischia pure di favorire l'implosione dell'euro.…

18/02/2020