Karamu Afro Collective: un nuovo album e un nuovo singolo

Dopo l’anteprima su Meiweb, esce su Youtube Save this place dei Karamu Afro Collective: un omaggio alla lotta contro le catene sociali e culturali che attanagliano il tempo di oggi e di sempre e che segna brillantemente l’inizio percorso di questa band dai mille colori.

I Karamu Afro Collective sono una band nata dalla passione per ritmo e poliritmia, per l’Africa come Madre ancestrale del battere primigenio, per la contaminazione e il mescolarsi dei pensieri, dei colori e delle anime.

A monte l’esperienza dei Whitey Brownie: un trio nato da un’idea di Alessandro Trani e condiviso con Micol Touadi (voce) e Alessandro Pollio (tastiere). Un album alle spalle. Ma ancora la voglia di allargare orizzonti, colori, prospettive. Il primo ad essere coinvolto, oltre al trio originario, è stato Vito Cardellicchio, alle percussioni, con la sua passione per l’Africa. E Daniel Ventura con il suo sax.

A valle il desiderio di dire una parola intessuta di amicizia, curiosità: in un abbraccio che ha il calore del Villaggio con la V maiuscola, sul quale l’Africa ha ancora tanto, tantissimo da insegnarci.

Il loro è un sound che si muove con allegria e libertà fra Afrobeat, World music e Funk e che promette di non smettere di ampliarsi, con curiosità: quella sempre. Nutrita della lingua cangiante di testi che svolazzano in libertà fra francese, inglese e italiano.

Di questi giorni di gennaio l’entrata in sala per la registrazione del loro primo album con la sigla Karamu Afro Collective e l’uscita di un primo video in anteprima direttamente dai Kent Industries Studio, Save this place: un brano che già da subito racconta l’impegno sociale di questa band.

Lo spunto, infatti, è dato dalle catene fisiche e sociali che hanno dovuto subire le minoranze nel corso della storia e che ancora oggi subiscono. Sono catene che non permettono alle persone di poter essere libere di esprimersi o di vivere la propria cultura, o le loro scelte di vita in generale, o semplicemente di essere accettati. Catene che hanno un contraltare nei pregiudizi della gente, pregiudizi che non permettono di vedere la realtà e la bellezza della diversità ma chiudono le persone nell’angolo della paura.

Una volta che tutti e due i tipi di catene non ci saranno più il mondo sarà salvo.

Questo articolo è stato modificato il 10/01/2020 14:30

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Val di Fassa Panorama Music 2020: concerti sulla neve delle Dolomiti

Musica western per panorami nordici: Val di Fassa Panorama Music giunge alla sua quinta edizione…

20/02/2020

Meghan e Harry licenziano lo staff non vivranno nel Regno Unito

Viso che Harry e Meghan non torneranno a vivere nel Regno Unito non avranno più…

20/02/2020

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull'asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo…

19/02/2020

Intelligenza artificiale (AI): il futuro è adesso

Dall’introduzione delle nuove tecnologie, il settore sanitario sta subendo notevoli trasformazioni. Uno studio della Stanford…

19/02/2020

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma…

19/02/2020

IL DELITTO MATTARELLA” di Aurelio Grimaldi arriva in sala

Esce nei cinema -  ogg 19 marzo 2020, distribuito da Cine1 Italia, “Il Delitto Mattarella” per…

19/02/2020