Richard Jewel di Clint Eastwood dal 16 gennaio al cinema

Diretto da Clint Eastwood e basato su fatti realmente accaduti, “Richard Jewell” è la storia di ciò che può accadere quando quel che viene riportato oscura la verità.

“C’è una bomba al Centennial Park. Avete solo trenta minuti di tempo”. Il mondo viene così a conoscenza di Richard Jewell, una guardia di sicurezza che riferisce di aver trovato il dispositivo dell’attentato dinamitardo di Atlanta del 1996. Il suo tempestivo intervento salva numerose vite, rendendolo un eroe. Ma in pochi giorni, l’aspirante alle forze dell’ordine diventa il sospettato numero uno dell’FBI, diffamato sia dalla stampa che dalla popolazione, assistendo al crollo della sua vita. Rivoltosi all’avvocato indipendente e contro il sistema Watson Bryant, Jewell professa con fermezza la sua innocenza. Ma Bryant scopre di doversi scontrare con i poteri combinati dell’FBI, del GBI e dell’APD per scagionare il suo cliente, e tenta di impedire a Richard di fidarsi delle stesse persone che cercano di distruggerlo.

Il film è interpretato dai premi Oscar Sam Rockwell (“Tre manifesti a Ebbing, Missouri”) nei panni di Watson Bryant, e Kathy Bates (“Misery non deve morire”, “American Horror Story” in TV) in quelli di Bobi, la madre di Richard; mentre Jon Hamm (“Baby Driver – Il genio della fuga”) è l’investigatore capo dell’FBI; Olivia Wilde (“La vita in un attimo”) ritrae Kathy Scruggs la giornalista dell’ Atlanta Journal-Constitution, e Paul Walter Hauser (“Tonya”) interpreta Richard Jewell.

Il premio Oscar Eastwood ha diretto il film da una sceneggiatura del candidato all’Oscar Billy Ray (“Captain Phillips – Attacco in mare aperto”), basata sull’articolo di Vanity Fair “American Nightmare — The Ballad of Richard Jewell” di Marie Brenner. Eastwood ha anche prodotto il film con la sua Malpaso, insieme a Tim Moore, Jessica Meier, Kevin Misher, Leonardo DiCaprio, Jennifer Davisson e Jonah Hill.

Il team creativo di Eastwood comprende il direttore della fotografia Yves Bélanger e lo scenografo Kevin Ishioka, insieme alla sua consueta costumista Deborah Hopper e al montatore premio Oscar Joel Cox (“Gli spietati”), che nel corso degli anni ha collaborato con Eastwood su numerosi progetti. Musiche di Arturo Sandoval, lo stesso compositore di “Il corriere – The Mule” del 2018.

Warner Bros. Pictures presenta una produzione Malpaso, Appian Way / Misher Films / 75 Year Plan Plan Production, “Richard Jewell”. Il film sarà distribuito in tutto il mondo dalla Warner Bros. Pictures e arriverà nelle sale italiane dal 16 gennaio 2020.

Questo articolo è stato modificato il 11/01/2020 13:53

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Val di Fassa Panorama Music 2020: concerti sulla neve delle Dolomiti

Musica western per panorami nordici: Val di Fassa Panorama Music giunge alla sua quinta edizione…

20/02/2020

Meghan e Harry licenziano lo staff non vivranno nel Regno Unito

Viso che Harry e Meghan non torneranno a vivere nel Regno Unito non avranno più…

20/02/2020

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull'asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo…

19/02/2020

Intelligenza artificiale (AI): il futuro è adesso

Dall’introduzione delle nuove tecnologie, il settore sanitario sta subendo notevoli trasformazioni. Uno studio della Stanford…

19/02/2020

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma…

19/02/2020

IL DELITTO MATTARELLA” di Aurelio Grimaldi arriva in sala

Esce nei cinema -  ogg 19 marzo 2020, distribuito da Cine1 Italia, “Il Delitto Mattarella” per…

19/02/2020