Garante privacy: multa a Eni Gas e Luce per trattamento illecito di dati

Il Garante privacy ha sanzionato Eni Gas e Luce con una multa che complessivamente arriva a 11,5 milioni di euro per due distinte violazioni: il trattamento illecito di dati personali nell’ambito di attività di telemarketing e l’attivazione di contratti non richiesti dagli utenti.

Gli accertamenti sono stati effettuati dall’Autorità a seguito di segnalazioni ricevute dopo il 25 maggio 2018, data in cui il Regolamento Europeo 2016/679, noto con l’acronimo di GDPR, è divenuto pienamente esecutivo.

Le gravi irregolarità rilevate hanno riguardato un elevato numero di utenti e proprio la diffusione delle violazioni, unita ad altri elementi quali la durata delle violazioni contestate e le condizioni economiche del trasgressore, hanno portato alla quantificazione delle sanzioni elevate.

Per quanto riguarda le attività di telemarketing e teleseling il Garante ha irrogato una sanzione di 8,5 milioni di euro per trattamenti illeciti di dati personali tra cui, da controlli effettuati su un numero circoscritto di casi che hanno fatto emergere l’esistenza di condotte standard ripetute in maniera seriale, telefonate pubblicitarie effettuate senza il consenso della persona contattata o nonostante la stessa avesse manifestato il proprio diniego a ricevere chiamate promozionali, l’assenza di misure tecnico organizzative in grado di recepire le manifestazioni di volontà, positive o negative, degli utenti, i tempi di conservazione dei dati superiori a quelli consentiti, l’acquisizione dei dati dei potenziali clienti da soggetti terzi che, a loro volta, non avevano acquisito il consenso per la comunicazione di tali dati.

Eni Gas e Luce, oltre a pagare la sanzione amministrativa ricevuta, dovrà implementare le procedure e i sistemi adottati per verificare, anche tramite analisi “a campione”, la validità del consenso rilasciato dalle persone prima di qualsiasi campagna promozionale. Dovrà inoltre adottare misure che siano in grado di convogliare in una sorta di “black list” tutti i nominativi delle persone che hanno manifestato la propria intenzione di non ricevere informazioni pubblicitarie.

Nel proprio provvedimento sanzionatorio, inoltre, il Garante ha espressamente vietato a Eni Gas e Luce l’utilizzo dei dati acquisiti da list provider in mancanza dell’acquisizione, da parte di questi, del consenso alla comunicazione dei dati personali a soggetti terzi.

Eni Gas e Luce è stata multata anche per la conclusione di contratti non richiesti dagli utenti con una sanzione pari a 3 milioni di euro.

Tra le varie fattispecie che hanno portato alla luce l’esistenza dei contratti in parola, sono state rilevate la scoperta da parte dell’utente del nuovo contratto solo a seguito della ricezione della disdetta del precedente gestore, la presenza nelle fatture di errori relativi ai dati riportati o addirittura firme apocrife.

Eni Gas e Luce dovrà provvedere al pagamento delle sanzioni entro il termine di 30 giorni e dovrà occuparsi dell’introduzione, nelle proprie procedure, di misure correttive idonee a garantire l’individuazione delle anomalie nei vari trattamenti di dati personali che dovranno essere comunicati all’Autorità.

di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

Val di Fassa Panorama Music 2020: concerti sulla neve delle Dolomiti

Musica western per panorami nordici: Val di Fassa Panorama Music giunge alla sua quinta edizione…

20/02/2020

Meghan e Harry licenziano lo staff non vivranno nel Regno Unito

Viso che Harry e Meghan non torneranno a vivere nel Regno Unito non avranno più…

20/02/2020

Governo, parla Geloni: “Renzi con Iv ha già fallito. Responsabili benvenuti”

Un governo di scopo fondato sull'asse Salvini-Renzi? Un asse rosa-verde che potrebbe manifestarsi il prossimo…

19/02/2020

Intelligenza artificiale (AI): il futuro è adesso

Dall’introduzione delle nuove tecnologie, il settore sanitario sta subendo notevoli trasformazioni. Uno studio della Stanford…

19/02/2020

Conte-ter. I responsabili, i registi e il nuovo asse Salvini-Renzi

Paolo Romani, Massimo Mallegni, Leonardo Grimani, Lorenzo Cesa, Renata Polverini: patrioti, stabilizzatori, porte girevoli, ma…

19/02/2020

IL DELITTO MATTARELLA” di Aurelio Grimaldi arriva in sala

Esce nei cinema -  ogg 19 marzo 2020, distribuito da Cine1 Italia, “Il Delitto Mattarella” per…

19/02/2020