Aidr: intesa con atenei, al via la “Call for professor”

Presidente Nicastri: “Ci siamo proposti come ‘Digital Knowledge Provider’
nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari”

L’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR), in collaborazione con alcune università italiane, si è candidata come ‘Digital Knowledge Provider’ nell’ambito di seminari, corsi di formazione e master universitari. L’obiettivo della “Call for professor”, in linea con la missione associativa, è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale mettendo a disposizione delle università italiane contenuti e docenti da inserire all’interno dei propri percorsi formativi.

Abbiamo pensato di lanciare la ‘Call for professor’ – ha dichiarato Mauro Nicastri, dell’Agenzia per l’Italia Digitale e presidente Aidr – con l’intento di raccogliere le adesioni di tutti coloro che creano e stupiscono con la forza delle proprie idee per comporre il catalogo dell’offerta formativa da proporre alle università partner di Aidr. Le persone interessate a partecipare dovranno avere innanzitutto un forte approccio innovativo e sviluppare proposte formative in grado di avvicinare la nostra società a un futuro più semplice e alla portata di tutti”.

Per partecipare all’iniziativa è sufficiente aver maturato esperienze di formazione e aver sviluppato (o se si intende farlo) un corso di formazione che includa il tema della digitalizzazione, dell’innovazione tecnologica e della governance ICT. La domanda di ammissione alla “Call for professor”, redatta secondo il modello reperibile sul sito www.aidr.it deve essere inviata, insieme al curriculum vitae e a un documento di identità in corso di validità, all’indirizzo e-mail callforprofessor@aidr.it (si può scrivere anche per ottenere ulteriori informazioni): il coordinatore della “Call for professor” è il dott. Rosario Fondacaro, socio Aidr.

Le proposte ricevute saranno sottoposte alla valutazione di un qualificato comitato tecnico-scientifico composto da soci Aidr e, in caso di esito positivo, verranno inserite all’interno del catalogo formativo. I corsi di formazione saranno erogati con diverse modalità (in aula, e-learning) da concordare di volta in volta con i diversi atenei. A ciascun docente verrà formalmente sottoposta la modalità di erogazione del corso e richiesta la disponibilità all’insegnamento.

Condividi!

Questo articolo è stato modificato il 17/02/2020 11:08

Condividi
Pubblicato da

Articoli Recenti

La Toscana pensa al gender in piena emergenza Coronavirus? Giù le ‘denunce’…

La denuncia è del Family Day: Fondi della Regione Toscana al consultorio gender. D'altronde quella…

27/03/2020

Virus docet. Il 27 aprile ci sarà la rivolta degli scoppiati e degli spossati?

Il 27 febbraio vivevamo su Marte. C’erano tante razze storicamente consolidate e date per scontate:…

27/03/2020

Coronavirus, “tutti pazzi” per l’autocertificazione: l’ironia corre via social

Autocertificazione, che passione! Gli italiani, oltre a dover star dietro alle limitazioni che di volta…

27/03/2020

Nasce il progetto CSBNO “La biblioteca è con te”

Una telefonata per sentirsi più vicini Quelle che stiamo vivendo sono settimane delicate, affannose, caratterizzate…

27/03/2020

Coronavirus, Istituto Friedman: “La vita conta più delle sanzioni”

"La vita in un momento difficile come questo, conta molto di più della politica delle…

26/03/2020

Nasce “PlayFTS”, lo spazio virtuale di Fondazione Toscana Spettacolo

Contributi video degli artisti per il pubblico del circuito: si parte con Silvio Orlando, Simone Cristicchi…

26/03/2020