/

OPINIONI, RECENSIONI, ESPERIENZE: UNA NUOVA FONTE DI INFORMAZIONE?

6 minuti di lettura

La Rete, oggi: il luogo delle ricerche e delle scelte di consumo

Mai come oggi, anche a fronte delle contingenze legate a nuove realtà, Internet è diventato un luogo più che mai reale, dove si concludono acquisti e si stipulano trattative, dove si interagisce a livello strettamente sociale, e dove si cercano, infine, nuove fonti di intrattenimento.

Tra Internet e commercio, il rapporto è infatti sempre più stretto, e passa inevitabilmente dalle recenti conquiste dell’e-commerce – che fanno registrare dati piuttosto rilevanti e significativi nei vari ambiti di attività – , ma anche dalle relazioni commerciali tra paesi, legate come si sa a svariati fattori, non sempre prevedibili. 

Si pensi, solo per fare un esempio attuale, al boom del commercio elettronico dopo l’esplosione e la diffusione del Coronavirus. 

Secondo alcune fonti in merito, infatti, si parla – stando agli ultimi dati diffusi da Nielsen – di:

  • un incremento dei trend di vendita online per i beni di largo consumo del 56,8 per cento 
  • tale aumento è significativo in quanto riguarda in particolar modo il periodo compreso tra il 17 e il 23 febbraio scorsi
  • un’accelerazione di 20 punti percentuali in confronto alle settimane precedenti

Tale attitudine al commercio elettronico, strettamente connessa – come si diceva – alle evoluzioni della vita quotidiana, ha comportato – nello specifico della situazione – anche situazioni di lucro a danno dei consumatori, come nel caso della vendita di mascherine e disinfettanti rincarati anche del 400 per cento. 

Fidarsi di Internet è ancora possibile, grazie anche alla condivisione di esperienza 

Eppure, stando a dati più generali, le persone continuano a fidarsi del web e del suo ruolo di fonte di informazione, oltre che di commercio. 

Spesso queste due ultime dimensioni sono strettamente connesse, in quanto gli utenti si affidano – magari nella diffidenza generale – proprio alle recensioni degli altri naviganti, come anche alle loro opinioni oppure alle esperienze rispetto a sperimentati beni di consumo o prodotti di intrattenimento.

Per fare alcuni esempi, rispetto ai settori di traino dell’e-commerce in Italia, non si può non pensare al turismo, oppure ad alcuni comparti dell’entertainment, come ad esempio quello delle scommesse virtuali. 

In relazione al primo campo, ovvero all’e-commerce relativo al turismo – il quale, secondo le stime di Netcomm/Statista potrebbe arrivare a valere oltre 400 miliardi di dollari nel 2022 – va detto che molti utenti si affidano, prima di prenotare una struttura o un qualsiasi viaggio o spostamento, alle recensioni e ai pareri degli altri utenti, come conferma il successo di servizi quali “Booking” e “Trivago”. 

Che dire poi delle scommesse online? A fronte di una spesa nel settore, in Italia, pari a 725,6 milioni di euro nell’anno 2019 (dati Agimeg) va detto che questo tipo di gioco in forma virtuale risente anch’esso del fenomeno delle recensioni e dei pareri, espressi il più delle volte da siti di comparazione, nei quali a volte si leggono opinioni sui migliori bonus per le scommesse online, come anche altre indicazioni generali, dalle modalità di pagamento alle attestazioni di sicurezza. 

Come capire se una recensione o un parere è affidabile? 

Gli eventuali pericoli del web

pastedGraphic.png

Va detto, di contro, che se Internet è una fonte infinita e inesauribile di informazioni, molto spesso non è semplice per gli utenti destreggiarsi e comprenderne la veridicità.

Non a caso è piuttosto diffuso proprio il fenomeno delle recensioni false, le quali, in ambito di e-commerce turistico, sono state recentemente denunciate proprio da uno dei portali principali in questo ambito, ovvero TripAdvisor, mettendo in evidenza anche un altro fenomeno associato, ovvero quello delle recensioni false a pagamento.

Di certo l’impegno dei gestori dei siti di riferimento in questo senso può garantire già una importante scrematura e favorire la trasparenza delle recensioni, di qualsiasi ambito di attività si parli.

L’utente, dal lato suo, può divincolarsi nella rete delle recensioni e delle opinioni cercando di non limitarsi alle prime informazioni ottenute e magari confrontandole tra di loro, così da avere uno spettro generale più ampio e realistico su cui basarsi per scegliere. 

Buona norma è anche consultare siti di informazione oppure blog di per sé affidabili e accreditati, facendo anche attenzione ai canali social, i quali non sempre sono pienamente attendibili, preferendo dunque in questo senso le pagine ufficiali. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Coronavirus, Rinaldi (Lega): “Dopo la flessibilità, arriverà il conto salato da Bruxelles”

Articolo successivo

Venezuela, la maledizione del petrolio in onda il 30 marzo su History

0  0,00