/

Non avremo più internet. Colpa dei pirati houthi. Ecco perchè

1 minuto di lettura

Lo avevano minacciato, lo hanno fatto. Incredibile. Gli Houthi del movimento yemenita Ansar Allah hanno danneggiato quattro cavi in fibra ottica, che giacevano in fondo al Mar Rosso e assicuravano la connessione internet tra l’Europa e l’Asia. La rivista israeliana “Globes” ha dato questa notizia, sottolineando che l’atto di sabotaggio ha già causato gravi interruzioni nelle connessioni internet intercontinentali. I cavi danneggiati, situati tra Jeddah in Arabia Saudita e Gibuti nell’Africa orientale, appartengono ai principali operatori di telecomunicazioni: Aae – 1, Seacom, Eig e Tgn.

La rivista israeliana ha precisato che i lavori di riparazione dei cavi richiederanno almeno otto settimane.

Gli Houthi yemeniti, da quando è iniziata la guerra tra Israele e Hamas hanno iniziato ad attaccare con missili e droni tutte le navi israeliane, che entravano nel Mar Rosso dallo Stretto di Bab el Mandeb, per esprimere il loro appoggio ai palesitnesi. Le potenze anglosassoni, Usa e Gran Bretagna, hanno intimato agli Houthi di cessare gli attacchi e, di fronte al diniego degli yemeniti, hanno effettuato svariati attacchi aerei a danno delle loro infrastrutture soprattutto aeroportuali. Per rappresaglia gli Houthi hanno minacciato di tagliare i cavi di internet, se gli Usa e la Gran Bretagna avessero continuato ad attaccare gli aeroporti dello Yemen. Alla minaccia sono seguiti i fatti, con gli atti di sabotaggio riferiti dalla rivista Globes.

La notizia è di quelle che fanno tremare le vene ai polsi e lo scenario che si intravede all’orizzonte è terrificante. Infatti, i cavi internet fungono da canali di comunicazione tra Europa, Africa e Asia. Se vengono disabilitati vi sarà un’interruzione delle linee di comunicazione internazionali, che si ripercuoterà negativamente sulla stabilità geopolitica, sui mercati finanziari globali e sulla sicurezza delle informazioni. D’altra parte, la base sula quale poggiano gli assetti di potere, politico, finanziario e tecnologico è molto fragile: si tratta di cavi nei quali passano energia elettrica o informazioni di tipo telematico. Se non ci fossero questi cavi, il mondo tornerebbe alla preistoria. E se qualcuno volesse tranciare questi cavi, potrebbe farlo con relativa facilità. Non si possono sorvegliare tutti i cavi in fibra ottica che attraversano i mari e gli oceani del mondo. Ma, se l’atto di sabotaggio è facile, il danno che viene inflitto è talmente smisurato da essere inimmaginabile. Transazioni economiche e finanziarie, informazioni che viaggiano nel web, i contatti e gli scambi tra i popoli, tutto questo sarebbe perduto in un battibaleno.

E’ cambiato il concetto di deterrenza. Prima le superpotenze si tenevano a bada l’una con l’altra mediante la deterrenza di tipo nucleare. Oggi non è più così. Un piccolo e povero paese come lo Yemen può tenere in scacco Usa e Gran Bretagna, minacciando di tranciare i cavi in fibra ottica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Meloni scherza con la stampa estera “Non è la giornata migliore…”

Articolo successivo

Meloni “Vorrei garantire che Governo lo scelgono i cittadini”

0  0,00