Anon il nazista. Domande al politicamente corretto

Ovviamente non è in discussione l’esecrazione, la condanna morale, politica, culturale, umana, della violenza, della guerra, della xenofobia, dell’antisemitismo, degli attentati, specialmente se perpetrati nei confronti di innocenti, bambini, popolazioni inermi (come i curdi o gli armeni), anziani, deboli, malati. La questione è fondamentale e ha a che vedere con la civiltà: o si sta […]

Continua a leggere

Taglio dei parlamentari. La strategia dei capponi e dei tacchini

C’è un evidente scollamento tra la decisione dei parlamentari di autodistruggersi e la realtà vera. Basta guardare le facce dei diretti interessati nelle foto ufficiali. Dietro i sorrisi e le pose obbligate, tanto scoramento e depressione. Come dire, la disciplina di partito ha prevalso sui singoli desideri, le vite, i sogni, le ambizioni, le carriere. […]

Continua a leggere

Umbria. Il caso Bianconi fa capire la partita in atto

Un tempo si diceva centro di gravità permanente, adesso in vista del prossimo voto regionale del 27 ottobre, si può dire “Umbria di gravità permanente”. Su questa consultazione pesano e passano, infatti, tutti gli interessi a 360 gradi: politici, economici, istituzionali. L’opposizione di centro-destra misurerà la sua capacità di aggregazione, di unità e di reazione […]

Continua a leggere

Centro-destra. Di nuovo insieme. Novità o moviola? La partita delle Regionali

Di nuovo insieme. Ma sarà vero? Il nuovo abbraccio tra Salvini, Meloni e Berlusconi sembra la foto di un film d’epoca. Una moviola che si riavvolge. La frase, infatti, che i tre hanno usato per il vertice tenutosi a Milano, è stato: “Marciare insieme”. Fa il paio con la trita e ritrita cantilena del “marciare […]

Continua a leggere

Fermare il redi-vivo Renzi. Nasce il governo Zingaconte

All’asse Di Maio-Renzi, nelle ultime ore ha risposto l’asse Conte-Zingaretti. Nell’appassionante e stucchevole fiction che sta accompagnando il primo tempo convulso e lacerante del governo giallorosso, ci eravamo fermati alle difficoltà di Zingaretti, condannato e incartato nel ruolo del rassicurante, del tranquillizzante, dell’amorevole e dell’umanitario. Costretto a parlare solo di numeri, di economia e di […]

Continua a leggere

Caro Conte, il vero premier è Renzi. Ecco la sua strategia

Ha cominciato col fare da regista esterno al nuovo governo giallorosso. Adesso detta la linea interna, ricatta, dà segnali in codice, avverte, condiziona. Il vero premier è Matteo Renzi. Risvegliato dall’improvvida telefonata dell’altro Matteo (Salvini) a Zingaretti, finalizzata a far cadere il governo, come noto (è cronaca agli atti) si è messo di mezzo, è […]

Continua a leggere

Conte stai sereno. Arriva Renzi con Di Maio (con la scusa dell’Iva)

Adesso Conte-2 e Zingaretti sono nell’angolo. Come da premesse, questo governo, già in fibrillazione in vista del Documento economico, si regge sui dispetti e capricci di Di Maio e le minacce, i segnali in codice, i colpi di Renzi. Il primo, navigatore cinico e post-ideologico dal giallo-verde al giallo-rosso. Il secondo, il resuscitato e il […]

Continua a leggere

Crocifisso. Dopo le merendine ora le carte geografiche. La passione di Fioramonti

Ci risiamo col Crocifisso. Ogni tanto, la sinistra di governo, quando è in difficoltà, dà vita a operazioni di distrazione di massa. Un po’ come Renzi che a suo tempo, a corto di ricette realizzate, in materia economica, sociale, politica, andava strombazzando l’unica riforma portata a termine, quella dei diritti civili (a costo zero): ossia, […]

Continua a leggere

Russia, Ibiza e Papeete. Attento Salvini, finisci come i tuoi amici austriaci

Cosa c’entrano le elezioni austriache con l’Italia? C’entrano eccome. Hanno a che fare con la regressione internazionale dei sovranismi e la controffensiva del mondo liberal e radical. Con l’elezione di Ursula von der Leyen, la maggioranza che ha preso il suo nome, è stata concepita e realizzata all’insegna dell’inciucio, del compromesso di Palazzo: la vecchia […]

Continua a leggere

Fine vita. La Consulta in linea con la finestra di Overton dei radicali. Cattolici battete un colpo

La Consulta non ha chiesto al Parlamento di legiferare sul fine vita. Di fatto ha legiferato in prima persona, aprendo un pericoloso varco. Primo, ha parlato di “non punibilità”, introducendo un elemento tecnico che porta inevitabilmente alla valutazione “caso per caso” e per logica, al relativismo giuridico. Poi addirittura, ha sostenuto che “è lecito l’aiuto […]

Continua a leggere