Corinaldo. La musica trap è responsabile o no?

Primo dato positivo: un buon numero di osservatori, alcune trasmissioni televisive, in primis, gli ospiti Crepet e Meluzzi, ma anche i giornalisti Mario Giordano e Nicola Porro che le hanno organizzate, hanno condiviso l’impostazione che Lo Speciale, sulla tragica vicenda di Corinaldo, ha dato subito. La domanda che tutti ignoravano, istituzioni, politici e cantanti compresi, […]

Continua a leggere

E’ finita la leadership “castista” di Macron. Vi spiego perché

Un quarto d’ora per convincere i francesi e recuperare i consensi scesi al minimo storico (appena un terzo degli elettori lo “gradisce”); oppure, una “concessione regia” durata appena un quarto d’ora che non servirà a nulla. Sono questi i due aspetti dell’intervento presidenziale di Macron che ieri, a reti unificate, si è degnato di rispondere […]

Continua a leggere

Salvini a Roma. Ecco gli effetti della sua piazza: il nuovo partito popolare

E ora? Quali esiti avrà la piazza leghista dell’8 dicembre? Matteo Salvini ha fatto un doppio passo, all’indietro e in avanti. Pensata come l’Opa del Carroccio su Roma, dando per scontata la condanna della Raggi e il voto capitolino (e quindi, l’inizio della vera guerra civile con Di Maio), la kermesse si è dovuta velocemente […]

Continua a leggere

Torino (No Tav) e Parigi (Gilet gialli). Inizio e fine di due piazze “grilline”

Torino e Parigi, cosa unisce queste due piazze? Certamente non la violenza e nemmeno la presenza dei gilet gialli in Italia per dire anche loro “no Tav”. Una presenza minacciosa che, invece, si è rivelata normale, come normale doveva essere pure in Francia. Ed è trascesa a Parigi e un po’ ovunque, per l’inserimento massiccio […]

Continua a leggere

Corinaldo. Si accompagnano bambini di 11 anni in discoteca?

Commenti sul dopo-Corinaldo. Vasco Rossi è “vicino alle famiglie”. Quindi, legittimamente, limita il dramma al loro dolore privato. Eros Ramazzotti ricorda che “i live devono essere divertimento e felicità, non morte”. Fedez si pone il problema delle regole: “Bisogna controllare le discoteche, perché si riempiono a tappo i posti solo per sbigliettare per soldi e […]

Continua a leggere

Tutti gli incubi e i dubbi dell’ultimo Salvini in vista dell’8 dicembre

Non c’è giorno che Salvini non cambi linea nella sua comunicazione. La regola è nota: il populismo mediatico è la linfa e l’ossigeno del populismo politico (categoria in cui rientra la Lega). Il capo del Carroccio, infatti, ha iniziato l’esperienza di governo fissando i paletti ideologici e creando una demarcazione netta rispetto a nemici e […]

Continua a leggere

Governo delle metamorfosi. Savona è passato all’opposizione

Questo è il governo delle metamorfosi. Dei leader che cambiano pelle e comunicazione. In fondo, il populismo è questo: sostituire i fatti con gli annunci. Ma quando dietro i comunicati, le frasi, le dichiarazioni, le prese di posizione, ci sono rivoluzioni copernicane, giri a 360 gradi, stravolgimenti politici e ideologici, quantomeno significa due cose: o […]

Continua a leggere

Primarie dem. Minniti rinuncia. Ecco cosa c’è dietro

Nel rapporto tra Marco Minniti e Matteo Renzi c’è qualcosa di indecifrabile, che nessun opinionista o esperto di cose dem, sta riuscendo a scoprire. Da una parte, l’ex ministro “leghista” degli Interni del governo Gentiloni, ha svolto il ruolo di pupillo di Renzi proiettato a rappresentarlo (la “continuità riformista”) nella nuova scalata intestina al Pd […]

Continua a leggere

Manovra. Conte in crescita, ma c’è una manina che lo aiuta

Ormai è una storia a puntate. Conte sta guadagnando terreno giorno dopo giorno. Dall’Argentina ha avuto modo di ribadire il suo ruolo e la sua rinnovata, rafforzata, leadership. Tutti i giornali, nei giorni scorsi, hanno impegnato redattori ed editorialisti ad analizzare quella frase, in relazione alla mediazione con la Ue sulla Manovra, che si prestava […]

Continua a leggere

Pd. Emiliano lascia, ma c’è un motivo e non è la legge

Cosa c’è dietro l’addio al Pd di Emiliano? Il governatore della Puglia, ha lasciato il partito per una formalità: “Da magistrato, sia pure in aspettativa per mandato elettorale, non posso contrastare la decisione della Consulta che ha confermato il divieto per i magistrati di iscriversi ai partiti”. Divieto che gli è già costato l’avvio di […]

Continua a leggere