Salvini. E quella citofonata che non è di destra, ma populista

Se citofonando sapessi dirti basta…… così si potrebbe parafrasare la nota canzone degli anni Sessanta di Mina (“Se telefonando”), questione-citofono oggi al centro del dibattito politico sulle vere o presunte responsabilità di Salvini circa il flop emiliano. La famosa citofonata sarebbe, infatti, la causa della sconfitta, anzi del mancato sorpasso della Borgonzoni: gli elettori di […]

Continua a leggere

Il voto. Epitaffio grillino, Salvini ha sbagliato, Conte rischia

Emilia Romagna chiama Roma. Una telefonata non da poco: Stefano Bonaccini 51%, Lucia Borgonzoni 43%. Lega al 31%, Pd al 34. Approfondiamo. Ora diranno che hanno vinto le Sardine, o anzi, che almeno hanno contribuito a risvegliare emotivamente la piazza e l’orgoglio della vecchia sinistra antifascista, riscesa in campo in Emilia-Romagna per scongiurare l’arrivo di […]

Continua a leggere

De profundis grillino. Di Maio in peggio. Ecco cosa accade ora

Di Maio in peggio. E ora? Cosa succederà al Movimento? Si ripartirà in mille rivoli, di destra, di centro, di sinistra, di sotto, di sopra? Le dimissioni del capo politico, da oggi senza cravatta, possono essere lette in tanti modi: da ultimo la paura di addossarsi pure la sicura sconfitta elettorale in Emilia-Romagna, o l’incapacità […]

Continua a leggere

Gregoretti. La commedia degli inganni. La sinistra scappa e Salvini farà meglio la vittima

Caso-Gregoretti. Storia di un mega-pasticcio e di una quasi comica eterogenesi dei fini. Una commedia grottesca che la dice lunga sullo stato dell’arte della politica italiana e sul tasso di falsità dei partiti. Loro, ovviamente, parlano di strategia, di dignità e giustizia. Ma la realtà è chiara ed evidenzia sempre più, la distanza tra paese […]

Continua a leggere

Hammamet-Craxi. Chiedo scusa alla prima Repubblica. Ecco perché

Chiedo scusa alla prima Repubblica. Io che l’ho combattuta in piazza. Io che, nel nome della lotta alla corruzione, della moralizzazione della vita pubblica, del cambiamento della politica e di una nuova possibile alternativa al sistema, gioivo per il numero degli avvisi di garanzia che la magistratura accumulava nei confronti degli indagati (“bussolotto-Citaristi”). Gioivo per […]

Continua a leggere

Prescrizione-caos. Leghisti, dem e grillini: nessuno in Bonafede

Un tempo la destra era sinonimo di ordine e legalità. Così sono nati i partiti conservatori che la storia dell’Occidente conosce. Da noi il Msi venne premiato alle elezioni amministrative del 1993 e poi alle politiche del 94 (con la doppia sigla Msi-Dn-verso Alleanza Nazionale), in quanto partito pulito, estraneo alla corruzione di Tangentopoli e […]

Continua a leggere