Il Ministero dei Beni CUlturali elimina la settimana della cultura

News

Condividi!

La crisi colpisce anche la cultura, e questa è una cosa della quale si è sempre discusso molto, ora a farne le spese saranno anche i musei.

In occasione dell’esposizione dei risultati ottenuti nell’ambito dell’indagine conoscitiva “Il museo che vorrai”, la responsabile della valorizzazione dei beni culturali italiani, Anna Maria Buzzi, ha dichiarato che quest’anno, a differenza di quanto avveniva in passato, non ci sarà alcuna Settimana della Cultura.

Il motivo è direttamento riconducibili alla crisi e alle difficoltà economiche le i musei si trovano a dover fronteggiare: in questo momento, come ha spiegato la Buzzi, nessun museo è in condizioni di potersi permettere, in periodi di alta stagione con forte affluenza di turisti, iniziative come la settimana della cultura.

Per quanto bella e di successo sia sempre stata, l’accesso gratuito ai musei che la settimana della cultura assicurava non ci sarà più. Per dirlo in modo pragmatico, non garantisce le entrate economiche che oggi servono a garantire la sopravvivenza dei musei e dei siti archeologici.

Per placare il malumore scaturito dalla notizia la stessa Buzzi ha affermato che verrà proposta un’alternativa: con ogni probabilità sarà stabilito che una domenica al mese, presumibilmente l’ultima, sarà garantito l’accesso gratuito  tutti i musei e i siti archeologici d’Italia.