Una rete lombarda per curare i giovani colpiti da disturbo borderline

1 minuto di lettura


“Il disturbo borderline, che coinvolge nella maggioranza dei casi giovani donne, influenza pesantemente la vita delle persone diventando a volte quasi del tutto invalidante sotto il profilo relazionale” ha sottolineato il Presidente del consiglio regionale Lombardia, Alessandro Fermi, presentando il progetto Young Inclusion.
fmo/pc/gtr
Articolo precedente

Federfarma “Farmacie pronte a vaccinare i primi di giugno”

Articolo successivo

Ostellari: “Nessun ostruzionismo su ddl Zan”

0  0,00