Miceli (Architetti) “Le città del futuro saranno policentriche, biotecnologiche e digitali”

1 minuto di lettura


“La nostra formazione professionale è molto legata alla sperimentazione di idee nuove per il futuro della vita di una comunità. La pandemia ha spinto gli architetti a ragionare sul modello futuro”. Lo ha detto Francesco Miceli, presidente del Consiglio nazionale degli Architetti, intervistato da Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” dell’Agenzia di Stampa Italpress.
mrv/abr/red
Articolo precedente

Ufficiale lista 26 azzurri, out Mancini e Politano

Articolo successivo

Quale futuro per l’istruzione e la ricerca: dalla trasformazione digitale al PNRR

0  0,00