Cozzoli: “Sport sia un presidio sociale”

1 minuto di lettura


“Siamo qui per dare sostegno a Don Antonio. Vogliamo impegnarci
affinchè lo sport sia un presidio sociale, di inclusione, di
prevenzione e di socialità, è questa la nostra missione”, così
il presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli, nel corso della
sua visita dopo le intimidazioni che don Antonio Coluccia e i
volontari hanno subito presso i locali dove si svolge
l’attività sportiva nel quartiere San Basilio a Roma.
sfe/ari/gtr
Articolo precedente

Lavoro, in attesa di rinnovo contratto 6,5 milioni dipendenti

Articolo successivo

Calcio: Newcastle. Stampa, a gennaio l’arrivo del dt Ajax Marc Overmars

0  0,00