Ricerca biomedica, la sinergia pubblico-privato può fare la differenza

1 minuto di lettura


In Italia solo l’1,4% del PIL è destinato alla ricerca, rispetto a una media europea del 2,07%. La comunità internazionale stima che il livello minimo ottimale dovrebbe essere almeno del 3%. Inoltre il 90% degli investimenti per la ricerca clinica è oggi sostenuto da aziende private. Sono alcune delle cifre del Libro Bianco “La ricerca biomedica e il rapporto pubblico-privato”, curato da Fondazione FADOI e Fondazione Roche.
Articolo precedente

Covid, 10.047 nuovi casi e 83 decessi in 24 ore

Articolo successivo

Da Helbiz il primo monopattino in sharing tutto italiano

0  0,00