Accesso al credito più difficile per le imprese femminili

1 minuto di lettura


Le imprese femminili hanno subìto un calo di iscrizioni del 12,1% nel 2021, sono più fragili rispetto a quelle maschili, hanno scarsa diversificazione produttiva, bassa internazionalizzazione e sono poco innovative. È quanto emerge dall’indagine realizzata da Terziario Donna Confcommercio, in collaborazione con il Centro Studi delle Camere di Commercio “Tagliacarne”. sat/
Articolo precedente

Bankitalia, a marzo inflazione al 7%

Articolo successivo

Turismo, gli Uffizi il museo più visitato in Italia

0  0,00