Confindustria, resta complicato lo scenario del II trimestre

1 minuto di lettura


Resta complicato lo scenario economico per l’Italia nel secondo trimestre 2022. E’ quanto emerge dalla Congiuntura Flash del Centro studi di Confindustria, secondo cui i costi delle imprese italiane sono ancora appesantiti dai rincari amplificati dal conflitto in Ucraina, nonostante i parziali interventi del Governo. Il prezzo del petrolio è cresciuto a maggio, a 111 dollari al barile in media.
abr/mrv
Articolo precedente

Calcio: Messi “Italia sarebbe stata la favorita per vincere i Mondiali”

Articolo successivo

In crescita le pensioni dei dipendenti pubblici

0  0,00