Il salario minimo e i nodi irrisolti

1 minuto di lettura


La crisi di governo frena il dibattito sul salario minimo e sui contratti. L’idea dell’esecutivo Draghi era di assicurare a tutti i lavoratori di un comparto, come compenso base sotto al quale non si può scendere, quello garantito dal contratto nazionale più diffuso in quel settore. A illustrare la misura è Claudio Lucifora, consigliere CNEL.
mgg/gsl
Articolo precedente

Calciomercato: Monaco. Ipotesi Rabiot ma c’è problema stipendio

Articolo successivo

Giustizia, da Cdm ok a decreti legislativi per riforma processo civile

0  0,00