Suicidio assistito, Cappato si autodenuncia ai carabinieri

1 minuto di lettura


Il tesoriere dell’associazione “Luca Coscioni” Marco Cappato torna a far parlare di fine vita e di suicidio assistito. Lo ha fatto autodenunciandosi a Milano ai Carabinieri della stazione Duomo, dopo avere accompagnato in Svizzera una donna di 69 anni, malata terminale di cancro, morta in una struttura di Basilea. Con lui Filomena Gallo, suo legale e segretaria dell’associazione Coscioni.
abr/trl/mrv
Articolo precedente

Tg Economia – 3/8/2022

Articolo successivo

Oliver arbitra Supercoppa europea, fuorigioco semi-automatico la novità

0  0,00