Sequestro beni a ex amministratore di un impianto termale in Calabria

1 minuto di lettura


La Guardia di finanza di Reggio Calabria, sotto il coordinamento della Procura di Palmi, ha sequestrato beni per oltre 2.4 milioni di euro riconducibili ad un imprenditore di Laureana di Borrello, amministratore di una società concessionaria di terme. All’indagato vengono contestati i reati di bancarotta fraudolenta patrimoniale, occultamento e distruzione delle scritture contabili nonché di autoriciclaggio. vbo/gtr
Articolo precedente

Cdx. Se la Meloni vola, Berlusconi e Salvini riscrivono il patto draghiano

Articolo successivo

Milano-Bicocca compie 25 anni e guarda al futuro

0  0,00