Aspettando Venezia

Cinema

Condividi!

 

 

Ci siamo quasi, mancano pochi giorni all’inizio della settantesima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, quest’anno in scena dal 28 agosto al 7 settembre.

I preparativi fervono, la Serenissima si prepara ad accogliere come ogni anno star di Hollywood e oltre Hollywood, la creme de la creme del cinema internazionale, a bordo di lussuosissimi yacht che approderanno al Lido di Venezia.

C’è chi pensa che la kermesse sia solo o soprattutto questo: festeggiamenti, party esclusivi, red carpet che si trasformano in vere e proprie sfilate di moda, caccia al vip del momento. Centinaia di fan che aspettano trepidanti di poter incontrare l’attore o l’attrice che preferiscono per ottenere un fatidico autografo.

Gli appassionati cineasti sanno però che oltre la patina dorata c’è ben altro, la Mostra del Cinema di Venezia è una ghiotta occasione per scoprire interessantissimi film il cui successo decretato dalla giuria è stato quasi sempre eguagliato dal pubblico. Un momento di confronto e di dibattito sul mondo del cinema con tutto ciò che lo circonda, un’occasione per ricordare i grandi del passato che hanno fatto del cinema la settima arte.

Sarà “Gravity”, thriller fuori concorso diretto da Alfonso Cuaron (Y tu mam° tan bien -Venezia 2011-) ad aprire la Mostra la sera del 28 agosto. Con interpreti Sandra Bullock e George Clooney, il thriller è ambientato nello spazio e verrà proiettato secondo i canoni della nuova tecnologia, in 3D.

Aperte le danze inizierà la corsa al Leone D’Oro: 19 i film in concorso di cui tre italiani: si tratta de “L’Intrepido” di Gianni Amelio, “Via Castellana Bandiera” di Emma Dante e il documentario “Sacro Grà” di Gianfranco Rosi.

In occasione della 70esima edizione, la Biennale di Venezia ha inoltre creato uno speciale progetto intitolato Venezia 70 – Future Releoded: settanta registi provenienti da ogni angolo del pianeta sono stati invitati a realizzare un cortometraggio totalmente senza vincoli, in piena libertà creativa, purché durino tra i 60 e i 90 minuti. Obiettivo: offrire un omaggio d’autore alla mostra. Tutti i cortomentraggi saranno poi proiettati al Lido.

La scelta del presidente della giuria quest’ìanno è ricaduta su Bernando Bartolucci, regista italiano pluripremiato (nel 2007 fu onorato proprio a Venezia del Leone D’oro alla carriera), fortemente voluto dal direttore della Mostra Alberto Barbera.

I film in gara promettono momenti di grande spettacolo, la qualità è sempre stata alta, ben venga quindi anche il brio e l’aria di festa che circonda l’evento.

Noi siamo pronti per aggiornarvi sulla Mostra day by day, non resta quindi che aspettare il 28!

Tommaso D’Angelo

 

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.