David Lynch ospite d’onore della decima edizione del Lucca Film Festival

Cinema Cultura News

Condividi!

Il regista David Lynch, sceneggiatore, produttore, pittore, musicista e scrittore statunitense, sarà l’ospite d’onore della decima edizione del Lucca Film Festival, la manifestazione cinematografia internazionale, che si terrà nel capoluogo toscanodal 28 settembre al 3 ottobre. Il Festival, presieduto da Nicola Borrelli, è da quest’anno uno degli eventi di punta delle manifestazioni organizzate e sostenute dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Si avvale inoltro del supporto di Banca Generali, Regione Toscana, Comune di Lucca, Fondazione Banca del Monte di Lucca e della collaborazione della Provincia di Lucca e di Fondazione Sistema Toscana.

Il Festival

La decima edizione ospiterà David Lynch in un percorso artistico che intercetta il cinema, l’arte, la musica e gli studi sulla meditazione trascendentale. E’ la prima volta di Lynch in Toscana e sarà nella città di Lucca dal 27 al 30 settembre. “Lynch – spiega Borrelli  – ha sviluppato un nuovo stile artistico, che si contraddistingue per il surrealismo, l’onirismo e le suggestioni che estrapola dalla profondità della mente e grazie al quale è diventato un’icona universale della contemporaneità”. Il festival omaggia il regista americano come negli anni lo ha fatto con i grandi maestri del cinema Peter Greenaway, Philippe Garrel, Abel Ferrara, Tsai Ming-liang, Paolo Taviani, Lou Castel e György Pálfi, solo per cintarne alcuni. Tra gli ospiti della decima edizione anche il celebre regista inglese John Boorman; il maestro brasiliano del cinema sperimentale Julio Bressane e l’attore, economista e critico letterario Enrique Irazoqui, noto al pubblico per aver interpretato Gesù Cristo ne Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini (dalla cui realizzazione ricorre quest’anno il cinquantenario). Tra le novità di quest’anno le sezione “Videoclip. Una nuova forma di cinema”, un omaggio dedicato all’universo dei videoclip musicali  con una selezione dei migliori dal 2000 a oggi); “Parole & Utopia. Atlante sentimentale del cinema per il XXI secolo (2001-2013. Catastrofi comprese)”, una sezione dedicata all’archivio di conversazioni filmate con 50 registi, tra i maggiori del cinema contemporaneo (durante il Festival saranno presentate le conversazione con David Lynch e Julio Bressane). Trasversale sarà il Concorso internazionale dei cortometraggi, una selezione di 26 cortometraggi tra più di mille inviati da tutto il mondo. Infine il progetto con le scuole dal titolo Educational, la sezione che si svolgerà durante le mattine del festival con la proiezione di documentari e lezioni di cinema dedicato alle scuole. I luoghi del festival sono i cinema Centrale (Via di Poggio Seconda 36) e Moderno (Via Vittorio Emanuele II). E poi l’auditorium S.Micheletto (via San Micheletto 2); l’Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca (Piazza San Martino 4), la Chiesa di San Francesco e l’oratorio di San Franceschetto (ingresso per tutto il festival 10 euro. I biglietti saranno acquistabili a partire delle ore 15:00 di lunedi 29 settembre 2014 presso il Cinema Centrale. Le attività presso gli auditorium sono invece ad ingresso libero e fino ad esaurimento posti).

 

Omaggio a Lynch (retrospettiva, mostra e incontri)

La decima edizione dedicherà al regista americano la retrospettiva completa dei suoi film e la proiezione, in anteprima mondiale, di tre cortometraggi, in fase di restauro per mano della “Criterion”, dal titolo The amputee, Six men getting sick e The alphabet. Tra le prime italiane anche il cortometraggio Scissors sempre realizzato da Lynch. Oltre al programma cinematografico il Festival presenterà in anteprima nazionale la mostra “David Lynch. Lost Visions. L’indiscreto fascino dello sguardo” a cura di Alessandro Romanini, dal 20 settembre al 9 novembre, presso i nuovi spazi dell’Archivio di Stato. Sono un centinaio di opere di Lynch su temi ricorrenti che hanno caratterizzato i suoi film più famosi, da Eraserhead a The Elephant Man, da Velluto Blu a Cuore Selvaggio, Lost Highway, Mulholland Drive, per citarne solo alcuni. I lavori sono esposti per la prima volta in Italia. Il 28 settembre si terrà il convegno internazionale “Meditazione Trascendentale: la coscienza e nell’arte e nell’economia ” presso il complesso di San Micheletto a cui parteciperanno lo stesso Lynch, il professor John Hagelin (presidente della David Lynch Foundation); il professor Fabio Pammoli del Mit di Boston e Pietro Pierini dell’Università di Pisa. La sera dell’inaugurazione si terrà, presso la Chiesa di san Francesco, il concerto di una selezione di musiche dei film di Lynch a cura del Conservatorio Luigi Boccherini di Lucca, che ha prodotto insieme al Festival l’evento e che metterà a disposizione un’orchestra di 45 elementi. Il concerto sarà diretto dal Maestro Gianpaolo Mazzoli (Direttore del Conservatorio Luigi Boccherini). Lo stesso giorno si terrà la presentazione dell’istallazione “24 waver for solo piano” – presso l’oratorio di San Franceschetto – del compositore lucchese Massimo Salotti che ha realizzato un cd musicale dedicato a David Lynch e intitolato “24 Waver for solo piano”. Dal cd è stata progettata un’installazione sonora interattiva per il San Franceschetto, che diventerà “spazio teatrale” durante i giorni del festival. L’omaggio a Lynch prosegue anche il 29 settembre mattina con una lezione/conversazione di cinema tenuta dallo stesso regista americano insieme Borrelli e Romanini. In programma, sempre il 29, la presentazione del progetto speciale dal nome “Lucca Virtual Film Festival”, in cui un gruppo di studenti, selezionati dal Ministero della scuola, ha creato delle “versioni virtuali” di alcuni ambienti di Lucca. Dall’oratorio di San Franceschetto, a piazza Anfiteatro, ai sotterranei del baluardo San Colombano delle Mura di Lucca e molti altri spazi, all’interno dei quali è stato costruito un percorso multimediale interattivo con i videoclip musicali diretti da Lynch. Il progetto speciale è stato realizzato dal Lucca Film Festival insieme alla divisione edMondo del Ministero della Scuola della Ricerca e dell’Universita – Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa. Ultimo appuntamento di David Lynch la presentazione al cinema Moderno (29/09) di Mulholland Drive, occasione nella quale gli sarà consegnato il premio alla carriera. La locandina del festival è stata disegnata da Lynch stesso.

 

Omaggio a John Boorman

Il Festival dedica a John Boorman, celebre regista inglese originario di Shepperton (classe 1933), un grande omaggio. Oltre alla proiezione delle pellicole più significative, infatti, il festival ospiterà una lezione di cinema (del 2 ottobre) in cui Boorman spiegherà le idee che lo hanno portato a realizzare veri e propri capolavori, pietre miliari come Senza un attimo di treguaUn tranquillo week-end di paura e Excalibur. Inoltre, particolare attenzione sarà riservata alla collaborazione con la figlia Katrine Boorman, anch’essa ospite della manifestazione, attrice in cult del padre quali ZardozAnni ’40, e autrice del toccante Me and Me Dad, documentario sul rapporto col proprio genitore che verrà proiettato nel corso dell’evento, introdotto da padre e figlia stessi. Infine, la sera del 3 ottobre (closing day del festival), il maestro sarà protagonista della cerimonia di assegnazione di uno speciale premio alla carriera, alla quale seguirà la presentazione e la proiezione del suo ultimo lavoro, Queen and Country, passato al Festival di Cannes 2014 e ancora inedito da noi. Boorman, 17 lungometraggi in carriera, oltre a una serie di corti e di documentari per la televisione, ha ricevuto nel corso della sua carriera una notevole serie di premi e riconoscimenti, tra cui cinque nomination agli Oscar e due premi per la miglior regia a Cannes.

 

Omaggio a Julio Bressane

Maestro brasiliano del cinema sperimentale, ha mescolato cinema e vita con l’amore per la creatività, lavorando con tutti i tipi di pellicola e di video fino al digitale. L’omaggio oltre alla proiezione dei suoi film vede anche la presentazione in anteprima italiana del suo ultimo film “Educação Sentimental”.  La serata di gala con Bressane sarà l’1 ottobre e legata all’omaggio, una lezione di cinema rivolta agli istituti scolastici, ma ad ingresso libero e la mattina del 3 ottobre.

Omaggio a Pier Paolo Pasolini

Il festival dedicherà un omaggio a Pier Paolo Pasolini, il 2 ottobre, evento organizzato in collaborazione con il Circolo del cinema di Lucca (il secondo circolo più longevo d’Italia con oltre 65 anni d’attività). Sarà  proiettato il film “Il Vangelo secondo Matteo” (versione restaurata in 35mm, in collaborazione con la cineteca Nazionale) a cinquanta anni dalla sua prima proiezione. Sono stati invitati gli attori Ninetto Davoli e Enrique Irazoqui (il Gesù Cristo nel Vangelo secondo Matteo). Davoli è uno dei simboli degli attori pasoliniani per eccellenza, nonché grande attore e personaggio cardine che ha fatto le fortune dello stesso Pasolini. L’altro attore, anche lui debuttante nel cinema è Enrique Irazoqui: volto indissolubilmente legato alla contestazione e alla sperimentazione. Il festival gli renderà omaggio presentando in anteprima nazionale il suo ultimo film “Noche de vino tinto”.

Vittorio Zenardi

Tagged

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.