Festival di Sanremo 65esima edizione: Carlo Conti e le sue novità

Musica

Condividi!

Finita l’era di Fabio Fazio e Luciana Littizetto, al timone del Festival di Sanremo per due anni consecutivi, arriva finalmente il turno di Carlo Conti. Il nome del presentatore è stato tra i papabili per tantissimi anni e ora finalmente è cosa fatta, sarà lui a condurre la prossima edizione del Festival che inizierà il  febbraio e continuerà per i successivi quattro giorni.

Poche ora fa è stato presentato il nuovo regolamento in vigore da quest’anno, un regolamento che in realtà di nuovo ha ben poco perchè si tratta più di un ritorno al passato, sarà un Festival all’insegna della “normalità”, un ritorno alla kermesse a cui gli italiani sono abituati.

A cominciare dalla sfida tra i cantanti big che sarà come qualche anno fa:  i cantanti in gara che proporranno un’unica canzone, nella serata finale arriveranno però solo 12 di loro con un’eliminazione progressiva. Rispetto all’edizione di Fazio, in cui ogni cantante portava due canzoni e tutti arrivavano in finale con quelle che delle due aveva avuto più voti, la differenza è notevole.

Le nuove proposte saranno otto e comprenderanno esordienti tra i 16 e i 36 anni, si sfideranno e alla fine solo due arriveranno al gran finale.

Novità per quanto riguarda il voto da casa che non sarà più solo per telefono ma, nel rispetto dei tempi moderni, sarà possibile votare anche online o attraverso un’apposita app. Tornerà ad esserci una giuria demoscopica che avrà influenza soprattutto nell’ultima serata: nelle prime tre infatti andranno avanti i cantanti che avranno avuto più voti sommando il voto da casa con quello dei giornalisti accreditati, nell’ultima serata a questi si andranno ad aggiungere i voti di altre due giurie, una di esperti del settore e quella demoscopica.

Va sottolineato inoltre che di nuovo questo festival avrà soprattutto il budget: all’insegna della spending reviwe, costerà un milione e mezzo di euro in meno rispetto allo scorso anno.

Gianluca Migliozzi

Lascia un commento