Conferenza stampa "La scuola più bella del mondo". Christian De Sica: "quest'anno non sarò al cinema con il cinepanettone". Guarda il video.

Cinema

Condividi!

conferenza stampa la scuola piu bella del mondoPresentato a Napoli l’ultimo lavoro di Luca Miniero, “La scuola più bella del mondo”, nella sala del cinema Plaza al Vomero erano presenti i protagonisti Rocco Papaleo e Christian De Sica, il regista Luca Miniero (Benvenuti al Sud, Un boss nel salotto) e il gruppo napoletano Nico e i suoi desideri, autori della colonna sonora Made in Napoly.

Un film sulla scuola non si vedeva da troppo tempo, ce n’era bisogno“, ha affermato De Sica, sottolineando il fatto che scopo del film non è proprio quello di porre al centro dell’attenzione le differenze tra Nord e Sud Italia, quanto far capire la condizione della scuola italiana d’oggi.

Un film serio che parla quindi dell’importanza dell’istruzione e del ruolo delle scuole per i giovani? Non proprio, è pur sempre una commedia, ma un messaggio c’è e De Sica ci tiene a sottolinearlo: “Il mio amico Rocco interpreta Gerardo, un insegnante che preferisce nascondersi dietro un paio di cuffie con la musica ad alto volume piuttosto che insegnare. Per migliorare la qualità della scuola, bisogna che gli insegnanti abbiano voglia di farlo e vedano la possibilità di migliorare, con l’aiuto  forse cosi anche Gerardo si toglierebbe le cuffiette e inizierebbe ad insegnare”.

Arriva poi il momento di parlare del suo passato coi cinepanettoni: “Quest’anno non sarà a Natale nei cinema, niente cinepanettone ma ringrazio Luca Miniero, mi ha dato la possibilità di fare un film come non ne avevo mai fatti prima. Di solito interpreto sempre il misogino sessista, volgare, maleducato. Invece col personaggio di Filippo datomi di Luca, ho avuto la possibilità di interpretare un uomo corretto con dei principi, ed è stata una sfida in più. Perchè far ridere con un personaggio cosi è molto più difficile che far ridere interpretando “il demonio.”

Infine la parola al regista, che ci tiene a sottolineare come l’idea era di concentrarsi sulla scuola e afferma “Ho chiuso con il ciclo del Sud, sto lavorando a un film che parlerà di qualcos’altro”.

Tagged

Lascia un commento