"L'Oriana" miniserie tv anche al cinema come evento speciale

News Serie TV

Condividi!

  “L’Oriana” miniserie tv in due puntate che andrà in onda il 16 e il 17 febbraio prossimo su Rai 1, sarà in sala per due giorni come evento speciale il 3 e 4 febbraio.
Il film realizzato da Fandango TV in collaborazione con RAI Fiction e diretto da Marco Turco (autore di Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu) vede Vittoria Puccini  nei panni della celebre giornalista e scrittrice italiana Oriana Fallaci scomparsa nel 2006.
Tra i gli altri interpreti Vinicio Marchioni, Francesca Agostini, Maurizio Lombardi, Adriano Chiaramida e Gabriele Marconi.
La miniserie tv rivive i momenti più significativi dell’esistenza di una donna coraggiosa, ammirata dai suoi affezionati lettori,
ma anche discussa e violentemente attaccata dai detrattori, che non sono mai mancati.
Oriana Fallaci non poteva lasciare indifferenti, o si amava o si odiava.
In un mondo dove le giornaliste al massimo scrivevano di cronaca rosa, lei s’impose come una delle reporter più talentuose  e importanti del ventesimo secolo.
Celebre il suo resoconto sui campi di battaglia in Vietnam negli anni 60, le inchieste  sui conflitti mediorentali degli anni 70 e 80 e le memorabili interviste con i grandi protagonisti del suo tempo.
Curiosa, empatica e di grande cultura si è trovata faccia a faccia con i grandi della terra senza fare sconti a nessuno.
Esemplare in questo senso l’intervista all’Ayatollah Khomeini del 1979, quando la Fallaci fece un gesto clamoroso: si tolse il velo dopo una risposta stizzita dello sciita sulle condizioni delle donne iraniane.
Nel film viene anche messo in evidenza il complesso rapporto con Lisa, aspirante giornalista mandatagli dall’Università di Firenze per aiutarla a catalogare materiali giornalistici e fotografici conservati per anni nell’antica casa di famiglia di Greve in Chianti.
Questo confronto tra donne di due generazioni differenti e di carattere opposto metterà in luce l’animo scisso di Oriana, diviso  tra la passione per la sua professione e il desiderio di essere donna e madre.
Un’opera che rende omaggio ad una figura di primo piano del giornalismo italiano che ci ha spronato a schierarci a difesa dei nostri valori e ideali.
“La vita è una lotta in cui non puoi mai distrarti, altrimenti ti rubano il cibo e la libertà.. il male non sta solo nel compiere il male…il male sta sopratutto nel non prendere posizione contro di lui, nell’indifferenza.”
 
 Vittorio Zenardi

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.