I Macchiaioli in mostra a Roma da Marzo a Luglio 2016

Arte Cultura

Condividi!

La mostra sui Macchiaioli torna ancora una volta al Chiostro del Bramante di Roma dopo il successo nel 2008 . Un appuntamento da non perdere per tutti gli amanti della loro arte, che  potranno scoprire da vicino tutte le opere che li hanno resi un punto fondamentale nella storia dell’arte.
I Macchiaioli,  movimento pittorico tra i più importante dell’Ottocento italiano, si opponevano ai  grandi movimenti artistici come il Romanticismo ed il Neoclassicismo, e si distaccavano in modo netto da quest’ultimi, coniando una nuova ed effettiva tecnica pittorica, composta essenzialmente da un contrasto sulla tela di vari colori.
Questa tecnica pittorica fu il simbolo che contraddistinse i macchiaioli, i quali con il passare del tempo divennero sempre più popolari. Telemaco Signorini, Giovanni Fattori, Raffaello Sernesi, Vito D’Ancona sono sono alcuni de nomi degli artisti che ne fecero parte.
La mostra I Macchiaioli. Le collezioni svelate apre al Chiostro del Bramante di Roma dal 16 marzo e ha il pregio di presentare al pubblico per la prima volta importanti dipinti dei Macchiaioli e non solo, collocandoli nel contesto delle antiche collezioni che in origine li ospitarono. Le opere che appartenevano a grandi collezioni del passato – come quella di Cristiano Banti, Diego Martelli, Rinaldo Carnielo, Edoardo Bruno, Gustavo Sforni, Mario Galli, Enrico Checcucci, Camillo Giussani, Mario Borgiotti – oggi sono confluite per lo più in collezioni private e rappresentano un nucleo inedito del più importante movimento pittorico italiano del XIX Secolo.
Saranno esposti in mostra oltre 110 opere che rappresentano la punta di diamante di ricchissime raccolte di grandi mecenati dell’epoca, personaggi di straordinario interesse, accomunati dalla passione per la pittura, imprenditori e uomini d’affari innamorati della bellezza, senza i quali oggi non avremmo potuto ammirare questi capolavori. Tutte le informazioni dettagliate sul sito del Chiostro del Bramante.

Vittorio Zenardi