Cronaca di una passione di Fabrizio Cattani: un film su una tragedia dei nostri tempi

Cinema

Condividi!

Dopo Maternity Blues, Fabrizio Cattani torna con un film coraggioso: Cronaca di una passione. Interpretato da Vittorio Viviani e Valeria Ciangottini, è un lavoro struggente e doloroso, toccante e commovente dedicato ai tanti suicidi di coloro che non hanno retto alla crisi economica. Ispirandosi a fatti di cronaca realmente accaduti Cattani entra con estrema delicatezza e rispetto nel vivo di un dramma quanto mai attuale: in un Paese ferito in profondità dalla crisi economica, la tragedia di chi perde tutto strozzato non da volgari usurai ma da uno Stato sordo ed indifferente, che non ha più alcun moto di comprensione e oramai privo di ogni senso di umanità.

2Il film è protagonista di un vero e proprio tour in tutta Italia, iniziato  il 7 novembre in Veneto, la regione più toccata dai suicidi per la crisi economica nel triennio 2012-1015, e che prevede, accanto alla proiezione e al confronto con i diretti protagonisti del film, anche un incontro con il pubblico e le Associazioni che combattono in prima linea per la tutela delle vittime di questa tragedia. Prima tappa al di Vicenza (ore 20,30).
Il film è protagonista di un vero e proprio tour in tutta Italia, iniziato  il 7 novembre in Veneto, la regione più toccata dai suicidi per la crisi economica nel triennio 2012-1015, e che prevede, accanto alla proiezione e al confronto con i diretti protagonisti del film, anche un incontro con il pubblico e le Associazioni che combattono in prima linea per la tutela delle vittime di questa tragedia. Prima tappa al Cinema Roma di Vicenza (ore 20,30).
Come nel suo precedente film Cattani racconta senza pregiudizi, in maniera asciutta, essenziale e con rispetto per il dramma che sta raccontando, le conseguenze di folli atti giudiziari e mala burocrazia che portano gente “semplice” a gesti estremi suggerendo un possibile “concorso di colpa”. Con l’esigenza precisa di lasciare una traccia, un documento di questa epoca di sfacelo per la piccola e media impresa.
Nella logica della testimonianza, portata e raccolta fra la gente, Cronaca di una passione e il suo regista compiranno un vero e proprio tour lungo lo Stivale che partirà dall’autunno per arrivare alla primavera, iniziando dal Nord Est, l’area con la più alta percentuale di suicidi legati alla crisi economica nel periodo 2012-2015 per poi proseguire nel resto del paese.

V. Z.

Lascia un commento