Leonardo Di Costanzo presenta "L'intrusa" alla stampa

Cultura e Cinema

 L’Intrusa secondo lungometraggio del regista e sceneggiatore Leonardo Di Costanzo é stato presentato alla stampa italiana dopo l’anteprima mondiale a Cannes alla Quinzaine Des Réalisateurs

Sinossi
Giovanna (Raffaella Giordano) é la fondatrice del centro “la Masseria” a Napoli: le mamme del quartiere ci portano i bambini per sottrarli al degrado e alle logiche mafiose ed immergerli nella creatività e nel gioco. In quest’oasi cerca rifugio e ospitalità Maria (Valentina Vannino), giovanissima moglie di un killer arrestato per l’omicidio di un innocente. Maria ha due figli. Per le altre mamme è il male incarnato. Ma la scelta di Giovanna è più difficile. Chi ha più bisogno d’aiuto?

Il film parla del dilemma di Giovanna, dice – Di Costanzo -, lei rappresenta l’eroe della contemporaneità, ovvero quelle persone che sperimentano nuovi modi di vivere e hanno l’abilità di creare unità. Questi eroi affrontano grossi dilemmi continuamente. Drammaturgicamente sono personaggi ideali. Nel film un vero cattivo non c’è, a parte il camorrista che però viene arrestato. Ci sono persone che hanno le proprie ragioni, come il preside, la moglie della vittima assassinata, le ragioni delle insegnanti, delle madri ecc. In questo universo, ma in generale nella vita, è difficile capire chi ha ragione effettivamente”.

Sul personaggio di Maria, la moglie del camorrista, interpretata da Valentina Vannino, commenta:
“Dopo l’arresto del marito, lei deve chiedersi per la prima volta chi è. É un animale ferito che si rifugia. Proprio come un animale ferito non sa chiedere aiuto. Giovanna è l’unica che capisce che dietro i modi duri di Maria, c’è in realtà una richiesta d’aiuto. In realtà anche gli altri personaggi capiscono questa cosa, ma devono difendere il proprio senso di gruppo e spesso il gruppo tende ad escludere. In questo caso, la comunità vuole farle in qualche modo pagare questa sua scelta di vita sbagliata.

Infine conclude:
C’è un grande equilibrio nel film L’Intrusa. Ho cercato di mantenermi neutrale e non prendere una posizione predominante nel dilemma del film, anche se qui posso ammettere che sono molto in linea con il personaggio di Giovanna. Questo dramma racconta molto della contemporaneità. Personaggi come Giovanna sono sperimentatori della nostra umanità e mi piace molto capire come riescono a trovare soluzioni anche nelle sconfitte.

L’intrusa sarà nelle sale italiane dal 28 Settembre 2017 distribuito da Cinema di Valerio De Paolis.

Vittorio Zenardi

 

 

 

 

 

 

S

Condividi!

Tagged