Pitigliani Kolno’a Festival: le fiction israeliane e l'ISIS nei due panel di domani

Cinema

Condividi!

Il grande successo internazionale della fiction israeliana e l’attualità del Medioriente raccontata dal documentario saranno gli argomenti dei due panel tematici che si tengono domani – lunedì 20 novembre – a ingresso gratuito fino a esaurimento posti alla Casa del Cinema di Roma nell’ambito della dodicesima edizione del Pitigliani Kolno’a Festival – Ebraismo e Israele nel cinema, che si tiene fino al 23 novembre 2017, kermesse dedicata alla cinematografia israeliana e di argomento ebraico.
La sezione del festival dedicata alla fiction, “Serie TV da Israele”, prevede – a partire dalle ore 18:15 in sala Kodak – il panel “Non solo In Treatment. Serie TV da Israele: un fenomeno globale”. Un vero e proprio dialogo aperto che vuole indagare l’incredibile exploit di esportazione di format e serie televisive israeliane degli ultimi anni, da In Treatment a Homeland, presentando tre serie drama, alcune delle quali acquistate all’estero negli ultimi anni: Shtisel, sul mondo ultraortodosso di Gerusalemme; il medical drama Yellow Peppers, su un bambino autistico che vive co la famiglia in una comunità agricola nel deserto e Your Honor. Il panel vedrà al tavolo l’editorialista e docente universitario Massimiliano Panarari e Ram Landes, produttore e ideatore di molti format israeliani, che – prima del panel, alle ore 16:45, presenta al festival Your Honor (Kvodo), la serie da lui prodotta, che sarà prossimamente adattata per l’Italia. Oscuro, affascinante e moralmente complessa, la serie racconta di un brillante giudice vicino a una importante promozione, il cui figlio adolescente fugge dopo essere stato coinvolto in un incidente automobilistico di cui è l’autore. Il panel è organizzato in collaborazione WGI – Writers Guild Italia, una delle più importanti organizzazioni di sceneggiatori, che sarà rappresentata da Giovanna Koch.

Alle ore 19:00, in sala Deluxe e introdotto dalle direttrici artistiche del festival, Ariela Piattelli e Lirit Mash, il secondopanel, dal titolo “Raccontare il Medio Oriente attraverso il documentario”, incontro a due voci tra Itai Anghel – il più grande reporter di guerra israeliano – e il direttore de La Stampa, Maurizio Molinari. Il panel sarà seguito, alle ore 20:00, dalla proiezione del doc Invisible in Mosul, fresco vincitore del Premio per il Miglior Documentario Israeliano, in cui lo stesso Anghel si unisce con coraggio ai corpi speciali dell’esercito iracheno che avanzano verso Mosul sotto il fuoco nemico dell’ISIS e dei suoi terroristi suicidi. Anghel, infatti, è l’unico giornalista israeliano ad aver documentato la guerra in Iraq sino a spingersi nelle prime linee dei combattenti contro l’ISIS a Mosul. Per riservare un posto in entrambi i panel, scrivere a eventi@pitigliani.it

Con 20 anteprime italiane, prodotto dal Centro Ebraico Italiano Il Pitigliani, il PKF2017 propone per la consueta sezione “Panorama sul nuovo cinema israeliano” opere che hanno riscosso successo sia in Israele che all’estero, e che rappresentano la varietà e il multiculturalismo che compone la società israeliana di oggi. Il programma di domani – lunedì 20 novembre – oltre ai due panel prevede le proiezioni alla Casa del cinema in Sala Deluxe, alle ore 15:00 con film stiatunitense The Pickle Recipe, di Michael Manasseri, commedia ‘gastronomica’ sul segreto dei cetriolini sottaceto di nonna Rose. Una ricetta alla cui caccia si mette Joey Miller, dj e re indiscusso delle feste a Detroit… Alle ore 17:00 l’avvincente documentario On the Map di Dani Menkin, prodotto da Nancy Spielberg, che racconta una delle pagine più importanti della storia e dello sport israeliano, la partita di basket tra Maccabi Tel Aviv e la squadra dell’armata rossa CSKA Mosca nel Campionato Europeo di Pallacanestro del 1977, in piena Guerra Fredda. Alle ore 21:30 la commedia Longing, di Savi Gabizon, presentata alla recente Mostra del Cinema di Venezia, dove un uomo benestante e senza figli, riceve una telefonata da quella che vent’anni fa era la sua fidanzata, per un viaggio negli aspetti nascosti della paternità. Le proiezioni in Sala Kodak hanno inizio alle 15:00 il documentario #uploading_holocaust, di Udi Nir e Sagi Bornstein racconta, attraverso le immagini realizzate con gli smartphone dai liceali israeliani in Polonia, il punto di vista della nuova generazione sulla Shoah e un’immagine commovente e inquietante del modo in cui la memoria collettiva si forma nell’era del web. Alle 16:45, alla presenza del produttore Ram Landes, i primi 3 episodi della serie da lui prodotta, Your Honor (Kvodo). Alle ore 19:45 i primi due episodi della seconda stagione della serie tv Yellow Peppers, di Keren Margalit e Amnon Kotler. Alle ore 21:45 il lungometraggio The 90 minutes war, una partita di calcio tra israeliani e palestinesi per decidere il diritto alla terra dove vivere

Tagged

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.