/

Perché Ryanair rischia una super multa da 5 milioni

1 minuto di lettura

Ryanair continua a non informare i passeggeri dopo la cancellazione dei voli. Un comportamento che per la compagna low cost significa l’avvio di un procedimento di inottemperanza da parte dell’Antitrust.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato fa sapere che Ryanair non ha dato seguito «a quanto prescritto nel provvedimento cautelare dello scorso 25 ottobre con la quale a seguito delle cancellazioni dei voli nei mesi di settembre e ottobre» si imponeva alla low cost «di fornire informazioni chiare, trasparenti e immediatamente accessibili sui diritti dei consumatori italiani».

In particolare, l’Antitrust, con il precedente provvedimento cautelare di ottobre, aveva ordinato a Ryanair – sia attraverso una comunicazione specificamente diretta ai consumatori italiani che attraverso informazioni facilmente reperibili a partire dalla home page del sito internet in lingua italiana della compagnia – di informare i consumatori italiani, con chiarezza, dei diritti nascenti dalla cancellazione dei voli, in modo da consentire loro di acquisire piena ed adeguata consapevolezza in relazione a una serie di diritti. In particolare: alla immediata accessibilità e comprensione dell’informazione circa la sussistenza non solo del diritto al rimborso o alla modifica gratuita del volo cancellato ma anche alla compensazione pecuniaria, ove dovuta.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Più libero di prima: intervista esclusiva ad Adriano Sforzi

Articolo successivo

Banca Etruria, indagato Pier Luigi Boschi

0  0,00