CinemaDays, film a tre euro fino a giovedì: i consigli dello Speciale

Cinema In Rilievo

E’ partita ieri CinemaDays, l’iniziativa promossa dai produttori, i distributori e gli esercenti cinematografici, in collaborazione col Mibact, che taglia il costo del biglietto in tutte le sale d’Italia. Per quattro giorni, fino a giovedì 12 aprile, il prezzo scenderà a soli tre euro, ad esclusione delle proiezioni speciali che subiranno comunque una riduzione. L’edizione del 2018 prevede altre due finestre a tariffa agevolata (dal 9 al 15 luglioe dal 1 al 4 ottobre) per promuovere l’ingresso al cinema nei periodi generalmente non redditizi, come quello estivo. La novità di quest’anno, infatti, sarà anche quella di proiettare dal 9 al 15 agostole anteprimedella nuova stagione cinematografica.

Noi dello Speciale vi invitiamo ad approfittare segnalandovi i titoli più interessanti di questi giorni, a partire da quelli italiani: Vinicio Marchioni è uno chef in crisi in una commedia culinaria sulle seconde occasioni (Quanto basta); Antonio Albanese scrive, dirige e interpreta Contromano, in cui propone una soluzione paradossale al problema dei migranti; Edoardo Leoe Margherita Buy fondano una nuova religione per sfuggire alle tasse in Io c’è; Succede, invece, si rivolge ai giovanissimi raccontando gli amori e le amicizie di quattro adolescenti.
Sul fronte hollywoodiano, Ready Player One, la nuova opera futuristica di Steven Spielberg (che omaggia il cinema e la cultura pop degli anni Ottanta) e Tonya, la black comedy sulla pattinatrice coinvolta nel 1994 in uno scandalo senza precedenti, sono assolutamente imperdibili.

Oprah Winfreye Reese Witherspoon sono le protagoniste del film Disney Nelle pieghe del tempo, avventura tra fantasy e sci-fi tratta dal romanzo per ragazzi del 1963 scritto da Madeleine L’Engle.
Spazio anche al thriller con Nella tana dei lupie I segreti diWind River, action fedele al genere il primo, più intenso e sofisticato il secondo. A Quiet Place è invece l’horror rivelazione che sta sbancando i botteghini americani a fronte di un budget di soli 15 milioni di dollari; un’altra sorpresa, stavolta europea, è Il giovane Carl Marx, che si sofferma sulle origini borghesi dell’autore de “Il capitale”. Tra i confini del cinema d’autore anche Charley Thompson dell’inglese Andrew Haigh, già autore di Weekende 45 anni, che narra il viaggio attraverso gli Stati Uniti di un quindicenne rimasto orfano.

Paolo Di Marcelli

 

Condividi!