Nona edizione del Premio Guido Carli

Cultura Economia In Rilievo

La nona edizione del Premio Guido Carli si terrà a Roma, giovedì 10 maggio (ore 17,30), nella sala della Regina di Montecitorio, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Il riconoscimento, intitolato al governatore della Banca d’Italia, è stato ideato da Romana Liuzzo, nipote di Carli e presidente della neonata Fondazione che porta il nome dell’economista. Il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, cui nella passata edizione è stato assegnato il Premio speciale, terrà la relazione introduttiva.

Quattordici le eccellenze italiane cui sarà consegnata la medaglia in bronzo, coniata dal Poligrafico. Personalità che si siano distinte nel corso dell’anno in settori come economia, imprenditoria, alta finanza e impegno sociale. La giuria, presieduta dall’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, è composta da Ornella Barra (Co-Chief Walgreens Boots Alliance), Urbano Cairo (presidente Rcs), Fedele Confalonieri (presidente Mediaset), Giovanni Lo Storto (direttore generale Luiss Guido Carli), Monica Maggioni (presidente Rai), Giovanni Malagò (presidente Coni), Matteo Marzotto (imprenditore), Mario Orfeo (direttore generale Rai), Debora Paglieri (Ceo Paglieri Profumi), Barbara Palombelli (giornalista), Antonio Patuelli (presidente Abi), Giuseppe Recchi (vicepresidente Telecom Italia) e Francesco Starace (ad Enel).

Quest’anno più che mai – spiega Romana Liuzzo – la giuria ha voluto dare un riconoscimento a persone che si siano distinte per etica e impegno sociale, non solo per i fatturati. Inoltre mi piace l’idea che personalità tanto diverse tra loro, almeno per un giorno, mettano da parte divergenze e differenze di opinione nel nome di Guido Carli

Condividi!

Tagged
Vittorio Zenardi
Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.