Contro l’autismo da Samsung arriva l’app PIZZAUT

In Rilievo

Contro l’autismo scende in campo Samsung con un’app che si chiama PizzAut App. Si tratta di un’applicazione progettata e realizzata appositamente per consentire ai ragazzi affetti da autismo di poter lavorare in pizzeria e raccogliere le ordinazioni in modo più rapido e agevole. La perdita del contatto con la realtà e la corrispondente costruzione di una vita interiore propria, che viene anteposta alla realtà stessa porta i ragazzi ad essere nervosi e non realizzati. Ora, la loro condizione, può essere aiutata. Questo è solo un progetto su tutti, ma molto importante visto che dopo i 18 anni i genitori lamentano l’abbandono da parte dello Stato di questi ragazzi.

Come riporta l’adnkronos la nuova applicazione è nata dalla collaborazione con PizzAut, associazione fondata nel 2017 con l’obiettivo di aprire la prima pizzeria in cui lavorino persone con autismo con il sostegno di terapeuti e professionisti della ristorazione.

Il progetto, ideato da Nico Acampora, papà di un bimbo autistico e condiviso da un gruppo di genitori con ragazzi con autismo, residenti tra le province di Monza e Brianza e Milano, punta ad avviare uno spazio di inclusione sociale gestito dagli stessi ragazzi affetti da questo disturbo. Per realizzare questo progetto, sul sito www.pizzaut.it è stata attivata una raccolta di donazioni che ha raggiunto più di 50 mila euro.

Funziona tutto tramite immagini, tramite queste ii professionisti di PizzAut, camerieri, pizzaioli, personale di sala con autismo, che potrebbero avere difficoltà a esprimersi sia oralmente che per iscritto, saranno in grado di registrare le ordinazioni e comunicarle in cucina.

Il progetto mira a far avere un contatto e l’interazione con il pubblico anche ai ragazzi autistici, migliorando la loro capacità di relazione e dandogli la possibilità di poter svolgere un’attività a loro accessibile. Grazie anche a questa applicazione le persone autistiche che lo vorranno potranno lavorare in pizzeria semplicemente grazie a un tablet.

 

Condividi!

Tagged