Rapani – Pellegrino (Fratelli d’Italia), in Calabria la cultura della legalità non ha bandiera di partito

Senza categoria

Rimaniamo senza parole di fronte alle assurde accuse che vengono mosse al nostro movimento politico in merito all’organizzazione di una borsa di studio dedicata alle scuole di Rossano per promuovere la cultura della legalità, progetto si dedicato a Peppino Impastato ma anche a Lea Garofalo, e a memoria e tutela di tutte le Vittime di mafia. Parole che offendono anche centinaia di ragazzi che hanno partecipato con coraggio e passione a questo percorso in nome dell’amore per la propria gente e la propria terra.
Fino a che certe associazioni di sinistra continueranno ad anteporre l’antifascismo militante a valori come libertà, cultura, condivisione nessun cambiamento potrà avvenire per assicurare un futuro alla Calabria, alla Sicilia edallItalia intera.
Cinzia Pellegrino, Responsabile Nazionale del Dipartimento tutela Vittime di FdI e Ernesto Rapani, Dirigente Nazionale e coordinatore regionale per la Calabria

Condividi!

Tagged
Vittorio Zenardi
Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.