Rupert Everett, Michele Placido, Maria Sole Tognazzi e Paola Mammini i primi ospiti annunciati del Taormina FilmFest

Cinema In Rilievo

I direttori artistici Silvia Bizio Gianvito Casadonte e gli organizzatori, guidati da Videobank, con il general manager Lino Chiechio e l’amministratore unico Maria Guardia Pappalardo, stanno preparando al meglio e a tempo di record il programma della sessantaquattresima edizione del Taormina FilmFest, che si terrà dal 14 al 20 luglio 2018 in tre location della città, dal Teatro Antico al Palazzo dei Congressi – che ospiterà proiezioni e masterclass – alle piazze della città, dove si terranno i red carpet delle star. 

Tra gli ospiti che già hanno confermato la presenza, l’attore inglese Rupert Everett, che quest’anno ha esordito alla regia di un lungometraggio con The Happy Prince – L’ultimo ritratto di Oscar Wilde, da lui stesso interpretato accanto a Colin Firth ed Emily Watson. Numerose e variegate le masterclass dei personaggi del cinema. Tra questi, il regista e attore Michele Placido, che riceverà il Premio alla Carriera del festival, ma anche la regista e sceneggiatrice Maria Sole Tognazzi e la scrittrice e sceneggiatrice del film Perfetti SconosciutiPaola Mammini (Immaturi – La Serie), vincitrice del David di Donatello per la miglior Sceneggiatura nel 2016. 

Donne protagoniste, a partire dalla Giuria tutta al femminile, composta dalla produttrice statunitense Martha de Laurentiis, dalla produttrice Donatella Palermo, dalla distributrice internazionale Adriana Chiesa e la produttriceEleonora Granata.

Il Taormina Fimfest – questo il commento dell’assessore regionale al Turismo, Sandro Pappalardo – comincia dunque a prendere forma. Ho fortemente voluto che il prestigioso festival di Taormina non morisse tra le scartoffie di inutili ricorsi. Il festival – e sarà un buon festival – è dunque salvo grazie all’impegno dei direttori artistici e di Videobank, che stanno impegnandosi al massimo per allestire un programma degno delle migliori tradizioni del festival, che riuscirà a tornare ai livelli che più gli competono“. 

Condividi!

Tagged
Vittorio Zenardi
Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.