Nicastri (AIDR): sostenere le Stazioni Appaltanti e le PA nella diffusione delle gare telematiche obbligatorie dal 18 ottobre 2018

Digitale In Rilievo

Mancano poche settimane al 18 ottobre 2018, data in cui scatterà l’obbligo delle Gare Telematiche per tutte le Stazioni Appaltanti e le PA. L’art. 22 “Regole applicabili alle comunicazioni” della direttiva comunitaria 2014/24/EU sugli appalti pubblici introduce l’obbligo di abbandono della modalità di comunicazione cartacea tra stazioni appaltanti e imprese in tutta la fase di gara.
L’articolo 22 della Direttiva 2014/24/EU è tra quelli rientranti a recepimento obbligatorio dagli stati membri, e viene disposto il 18 ottobre 2018 come termine ultimo per il recepimento (art. 90, comma 2), salvo che per le centrali di committenza il cui obbligo era previsto per il 18 aprile 2017.
La Direttiva EU è stata recepita in Italia con il D.Lgs. 50/2016 (Codice dei contratti pubblici) che con l’art. 40 ha stabilito l’obbligo di utilizzo immediato (18 aprile 2016) dei mezzi di comunicazione elettronici per le Centrali di Committenza (comma 1), mentre ha differito alle altre stazioni appaltanti (comma 2) l’entrata in vigore al 18 ottobre 2018. Infine con l’art. 52 ha ribadito l’obbligo di utilizzo delle comunicazioni elettroniche nello svolgimento delle procedure di aggiudicazione con la descrizione delle caratteristiche che tali comunicazioni devono avere.
In Italia non esistono dati ufficiali sulle transazioni effettuate on-line. L’ANAC (l’Autorità Nazionale Anticorruzione) pubblica una rilevazione quadrimestrale sui contratti pubblici, ma non offre alcun dato su quante delle oltre 115mila procedure di affidamento di importo uguale o superiore a 40mila € del 2016 siano state perfezionate su piattaforme telematiche di acquisto.
In questo contesto, AIDR in collaborazione con il proprio partner Pro-Q ha istituito una task-force in grado di coordinare il percorso di cambiamento per sostenere tutte le Stazioni Appaltanti e le Pubbliche Amministrazioni che saranno obbligate, a partire dal 18 ottobre 2018, ad utilizzare esclusivamente mezzi telematici nelle comunicazioni con gli operatori economici.
PRO-Q è una piattaforma web based per la gestione ottimale e personalizzata dei Fornitori e delle procedure d’acquisto pensata per Pubbliche Amministrazioni, società pubbliche e aziende e realizzata con la collaborazione scientifica dell’Osservatorio eProcurement nella PA della School of Management del Politecnico di Milano.

Condividi!

Tagged