//

In libreria “WILLY BLUM HA UN FREDDO DANNATO” di ROBIN WIRE

1 minuto di lettura

Robin Wire muove come marionette i suoi personaggi veri e stralunati, ingarbugliandone i fili, intrecciandone i pensieri e le emozioni, in un romanzo dalla struttura originale, quella della rubrica telefonica, che scorre veloce e vivo, fin oltre l’ultima riga.

Willy Blum è un uomo di spettacolo. Conduce da anni un programma di successo sul canale otto ed è appena stato scelto per il ruolo di protagonista nel nuovo film del regista del momento. Vive in una splendida casa insieme a Zoe e alla piccola figlia di lei, Guya. 

Willy ha una rubrica telefonica. Ogni lettera un nome, una vita, colta in un momento del suo scorrere, in una settimana d’inizio primavera, e poi abbandonata, lasciata in sospeso. Pagina dopo pagina, le lettere della rubrica si animano dei personaggi che le popolano: uno scrittore sulla cresta dell’onda, un cinquantenne mediocre nel pieno del suo warholiano quarto d’ora di celebrità, una ragazza del meteo in tv arrivista e senza scrupoli e così via.

Ventiquattro storie che si dipanano apparentemente autonome e che si ritroveranno, tutte insieme, unite da un evento che le accomunerà, nell’atto finale: la lettera Zeta.

 Robin Wire, artista apolide che si firma con uno pseudonimo, lavora sui temi della finzione, del paradosso, del verosimile.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Marco Tullio Giordana e Salvatore Allocca a Francoforte per “Verso Sud. Festival del cinema italiano”

Articolo successivo

Oroscopo di oggi 29 novembre: la giornata con Paolo Fox

0  0,00