Bergamini, svelato il murales dedicato al calciatore nello stadio di Cosenza

1 minuto di lettura

Inaugurato ieri, allo stadio San Vito-Marulla di Cosenza, il murales che ritrae il calciatore Denis Bergamini, morto in circostanze ancora da chiarire nel novembre del 1989 (la Procura di Castrovillari sta conducendo l’ennesima inchiesta dopo la riesumazione del corpo del calciatore), e anche di un lupo, simbolo della squadra e della tifoseria. I disegni sono stati realizzati da Matteo Zenardi, in collaborazione con la ditta Garritano di Fuscaldo.

Il murales è stato interamente finanziato dall’imprenditore Federico Morabito, titolare del colorificio Hobby Color che ha accolto l’invito del gruppo ultrà ‘Via Popilia C’è’ e del consigliere comunale Giovanni Cipparrone ad occuparsi del restyling del ritratto ormai usurato dal tempo e dalle intemperie.

All’evento che si è svolto prima del match Cosenza – Salernitana era presente Donata Bergamini, sorella del calciatore, i vecchi compagni di squadra ed i  tifosi.

“E’ un regalo bellissimo, – ha detto Donata Bergamini – lavoro nel campo dell’edilizia e apprezzo che siano stati usati i materiali migliori che esistono sul mercato per ridipingere il volto di mio fratello”. Cosenza è nel nostro cuore, non posso che parlare bene di questa città. La morte di mio fratello ha mobilitato i giovani cosentini che hanno lottato per fare chiarezza sulla vicenda. Mi hanno accolta a braccia aperte e io penso che sia un legame non si scioglierà più‘”.

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

2018-2019. Il meglio e il peggio. Le pagelle de lo Speciale

Articolo successivo

Ordinato l’arresto in Brasile per Cesare Battisti. Bolsonaro è di parola

0  0,00