Nuova luce nella Basilica di San Pietro

2 minuti di lettura

La più grande Basilica al mondo mostra i suoi tesori grazie all’innovativa illuminazione digitale di Osram

Dopo quasi due anni sono terminati i lavori di progettazione e installazione dei nuovi apparecchi LED nella Basilica di San Pietro, che ora, può mostrarsi in tutta la sua magnificenza. Osram ha lavorato a un progetto personalizzato per mettere in luce tutte le peculiarità della Basilica più importante del mondo, utilizzando oltre 780 apparecchi speciali e circa 100.000 LED. Questa tecnologia avanzatissima permette di risparmiare il 90% dell’energia in linea con la seconda enciclica di Papa Francesco Laudato si’.

A tutto questo si aggiunge un sistema di controllo della luce digitale attraverso un tablet, con il il quale si potrà adattare in maniera rapida e mirata l’illuminazione della superficie di quasi 22.000 metri quadrati complessivi della Basilica, in base a scenari predefiniti.

Grazie al nuovo sistema integrato a LED, è possibile ammirare i mosaici delle cupole negli ottagoni delle navate laterali, nei minimi dettagli. Molte opere d’arte che prima erano al buio, ora appaiono in pieno splendore svelando dettagli mai visti in 500 anni di storia, senza creare fastidiosi riflessi.

La Basilica di San Pietro, che ogni giorno apre le sue porte a 27mila visitatori, è lunga circa 190 metri. La larghezza delle tre navate è di 58 metri ciascuna, la navata centrale ha un’altezza di quasi 46 metri nel punto più alto della volta e la cupola raggiunge un’altezza di circa 137 metri. Adesso, per la prima volta dall’inizio dei lavori di costruzione nel 1506, ogni dettaglio di questo capolavoro architettonico è illuminato per mostrare la sua straordinaria bellezza.

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Parla CasaPound: “Processo regalo a Salvini. Ma il governo non va”

Articolo successivo

La settimana di Paolo Fox. LEGGI l’oroscopo dal 28 gennaio al 3 febbraio

0  0,00