Esperti contro la corruzione: master di formazione per imprese ed enti

In Rilievo

Anticorruzione e trasparenza: si chiude la III edizione del Master dell’Università Tor Vergata che forma esperti per imprese e P.A.

La corruzione infatti non è soltanto una piaga sociale ma un vero e proprio freno alla crescita economica, perché genera gravi distorsioni nell’allocazione delle risorse e rende impossibile la costituzione di un ambiente favorevole all’innovazione, all’occupazione e allo sviluppo. Obiettivo del Master Anticorruzione (MAC) dell’Università degli Studi di Roma Due “Tor Vergata” è proprio formare esperti per supportare imprese e amministrazioni pubbliche nel contrasto ai processi corruttivi e illegali che ostacolano le attività lavorative.

“La comunicazione trasparente è un tassello tanto delicato quanto cruciale, che in mancanza di una gestione strategica diventa un’occasione mancata o, nella peggiore delle ipotesi, un boomerang per gli operatori”, spiega il CEO dello studio di comunicazione The Skill, Andrea Camaiora, esperto in litigation pr e comunicazione trasparente che per il terzo anno consecutivo è stato confermato tra i docenti del master.

La lezione del Prof. Camaiora si terrà mercoledì 20 marzo dalle 14 alle 17 mentre il giorno seguente interverrà il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, su “Una lettura della corruzione attraverso i rapporti ANAC”.

Ci sarà infine il modulo conclusivo del master, intitolato “Approfondimenti tecnici e analisi di best practice. Le persone contano”.

Interverranno: Cuno Tarfusser (già Procuratore capo a Bolzano, giudice e poi vice presidente della Corte Penale Internazionale dell’Aja), Gaetano Scazzeri (comandante del nucleo speciale anticorruzione della Guardia di Finanza), Silvio Bonfigli (Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Brescia) Saverio Angiulli (nucleo speciale polizia valutaria delle Fiamme Gialle), Edoardo Lazzarini (Direttore Compliance Initiative per Europa e Canada della multinazionale farmaceutica giapponese Takeda), Antonio Cavallaro (Compliance Officer per l’Italia della multinazionale tedesca Merck)

Condividi!

Tagged