PREMIO NAZIONALE PER LA TRASPARENZA E L’ETICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Digitale In Rilievo Società

Aidr incontra il Ministro Riccardo Fraccaro

Il Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta, Riccardo Fraccaro, ha ricevuto una delegazione dell’Associazione Italian Digital Revolution – Aidr, guidata dal Presidente Mauro Nicastri, insieme ai soci Rosangela CesareoDavide D’Amico e Claudio Romani che seguono le attività del “Premio Nazionale Aidr per la diffusione della Trasparenza e dell’Etica nella PA”, in occasione della seconda edizione del Premio che si terrà il prossimo 8 maggio alle Scuderie del Quirinale. Nel corso del colloquio si è discusso delle modalità con cui viene conferito annualmente il Premio alle prime tredici Pubbliche Amministrazioni centrali e locali che attraverso un software dedicato verifica la presenza dei requisiti previsti dal “Regolamento del Premio”, interrogando i siti web delle pubbliche amministrazioni centrali e locali ed assegnando a ciascuna di esse un tasso percentuale di copertura.

“Affinché i cittadini possano partecipare ai processi decisionali – ha dichiarato il Ministro Fraccaro – è fondamentale che conoscano cosa fa e come opera la pubblica amministrazione. In tal senso gli strumenti digitali possono offrire un contributo prezioso. Il premio nazionale AIDR per la diffusione della Trasparenza e dell’Etica nella PA rappresenta un elemento importante che la stessa società civile ha messo in campo per far conoscere la pubblica amministrazione a tutti i cittadini. Pertanto l’iniziativa dell’associazione, che monitora la trasparenza dei siti delle PA ed analizza anche i dati degli affidamenti di lavori, servizi e forniture, ha il merito di aver utilizzato il digitale per migliorare la pubblica amministrazione”

Condividi!

Tagged
Vittorio Zenardi
Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.