Pirandello secondo CARLO CECCHI in mostra al Teatro Valle

Cultura e Cinema In Rilievo Teatro

Da oggi 16 maggio al 19 al Teatro Valle inaugura la quinta sessione espositiva della mostra MANICOMIO! MANICOMIO! SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE DI LUIGI PIRANDELLO, dedicata ai Sei personaggi in cerca d’autore di Pirandello nella versione rigenerativa e straniante del 2003 con la regia di Carlo Cecchi, spettacolo di immenso successo che fece il giro d’Italia toccando 77 città e coinvolgendo 280.000 spettatori nell’arco di 295 repliche, per approdare in teatri internazionali come Berliner Ensemble fondato da Bertold Brecht, dove nelle due sere in scena furono contati 11 minuti di applausi e 12 uscite per i saluti e chiudere poi i 4 anni di tournée a Parigi all’Athénée_Théâtre Louis-Jouvet.

Il 16 maggio (ore 17) introduce l’esposizione un incontro pubblico con il giornalista e critico teatrale Gianfranco Capitta e l’attrice Antonia Truppo, interprete nello spettacolo nel ruolo della Figliastra. Segue la proiezione di un filmato video dell’allestimento di Cecchi, che verrà poi riproposto nei giorni successivi (a partire dalle ore 17 nel foyer) per tutta la durata dell’apertura della mostra. Applaudito da Peter Stein a Dacia Maraini, fino agli eredi di Pirandello che si complimentarono con Carlo Cecchi, lo spettacolo attrasse intellettuali, letterati, registi, politici, lasciando una diffusa sensazione di aver assistito ad uno spettacolo innovativo e destinato a rivoluzionare la scena italiana del Novecento. Si trattava infatti di una lettura ironica, intellettuale, straniante. Una lettura stringata, veloce, sorprendente per lo sberleffo ironico, per l’esaltazione dell’aspetto farsesco del vieto dramma borghese della famiglia di “personaggi” che irrompono su un palcoscenico, tra attori che stanno provando un loro spettacolo, pretendendo di poter vivere la propria storia.

Le scene e i costumi di Titina Maselli differenziavano nettamente i due gruppi (Attori e Personaggi) in contrasto, uno colorato e l’altro in grigio e nero, all’interno di uno spazio quasi nudo. Sul piano della recitazione, alla tragica passione vera dei Personaggi si contrapponeva, a esaltarne il gioco e l’esemplificazione filosofica, il cinismo, lo sberleffo, l’ottusità, l’incredulità degli Attori, con in testa il regista, un Cecchi strepitoso e gigione assieme, insinuante. Con lui sul palco, nell’anno del debutto, erano Paolo Graziosi, grande e verissimo padre (premio miglior attore agli Olimpici 2005), la madre Luisa De Santis, la figliastra Antonia Truppo (premio migliore attrice esordiente agli Olimpici 2005), il figlio Francesco Ferrieri, la Madama Pace di Angelica Ippolito, il Giovinetto Cecilia Finetti in opposizione al regista di Cecchi stesso (premiato dal pubblico con il Premio Maschera d’Oro come miglior interprete, promosso dalla rivista Inscena), all’assistente del regista Federico Olivetti, agli attori: Alessandro Baldinotti, Isabella Carloni, Paola Giorgi, Paolo Mannina, Rino Marino, Stefano Tosoni. (alcuni attori nelle tournée successive si sono alternati con altri interpreti: Sabina Vannucchi-La Madre, Joana Pupo-Il Giovinetto, Riccardo Lupo-assistente del regista-, Nadia Santos nel gruppo Attori).

Oltre alle sezioni permanenti della mostra, che raccontano la celebre prima del 10 maggio 1921 attraverso letture audio, ricostruzioni, testi e disegni, gli spettatori troveranno ad accoglierli per questo quinto allestimento: la locandina originale e alcuni testi sull’universo poetico di Carlo Cecchi; il lavoro di multivisione a firma di Ernani Paterra, proiettato a ciclo continuo sul palcoscenico per un viaggio sonoro e visuale attraverso filmati, recensioni e dietro le quinte della messa in scena del 2003; le letture audio di recensioni critiche e dichiarazioni attorno allo spettacolo nelle apposite postazioni con cuffie nei palchetti.

Il 19 maggio il foyer del Teatro Valle offre ai visitatori una vera e propria colazione (cappuccino e cornetto) per chiacchierare attorno a Pirandello: un ciclo di tre incontri COLAZIONI CON I SEI PERSONAGGI, a cura del giornalista e critico teatrale Graziano Graziani in dialogo, per questo secondo appuntamento, con lo scrittore Mauro Covacich che “adotterà” due personaggi del testo del drammaturgo siciliano, la coppia padre/capocomico, per presentarli e parlarne assieme al pubblico.

Condividi!

Tagged