prezzo cialis in farmacia italiana viagra online sito sicuro nitrofurantoina antibiotico prezzo che dosaggio di viagra prendere viagra femminile vendita online costo farmaci levitra prezzo ufficiale cialis grupo viagra generico cialis 5 mg 28 comp è un farmaco prescrizione medica per acquisto cialis disfunzione erettile farmaci ipertensione acquistare antibiotici su walmart cialis generico sildenafil tipi di farmaci antibiotici tra pillola della pressione e antibiotico quanto tempo deve passare a che serve il farmaco lasix cialis online canadian pharmacy le migliori pillole antidepressivi viagra online consegna postale propecia 1 mg miglior prezzo con l'antibiotico la pillola non funziona elenco nomi farmaci antidepressivi pfizer cialis online quante persone prendono il cialis cialis 5mg online pharmacy viagra levitra cialis online dove acquistare cialis generico sicuro i farmacisti possono prescrivere gli antibiotici viagra cialis che farmaci sono order cialis online europe lasix dosaggio ipertensione costo lasix comprare viagra online è reato viagra 50mg prezzo farmacia antibiotico tetra minina teva originale da 3 giorni
//

Bisciglia (Aidr): “Con la sanità digitale riduzione dei costi e migliore assistenza”

2 minuti di lettura

“La Ragioneria generale dello Stato ha da poco reso pubblici i dati che dicono che tra il 2012 e il 2017 il Servizio sanitario nazionale ha perso 26.561 lavoratori (-3,9%) che fanno arrivare il totale dei dipendenti a quota 648.058. Un quinto dei lavoratori della PA. Le perdite maggiori in valori assoluti sono quelle del personale infermieristico: -7.055 unità. Le altre categorie sempre nel comparto sanità che perdono il maggior numero di unità di personale in valori assoluti sono nell’ordine quelle dei profili del ruolo amministrativo (-6.102 unità), i profili del ruolo tecnico (-4.727 unità), quindi i medici che nel 2017 sono 3.448 in meno del 2012 (-3.16%). Una perdita che rappresenta il 13% delle perdite del Ssn” – spiega il responsabile dell’Osservatorio Andrea Bisciglia.

“Gli odontoiatri perdono il -39,61% dei dipendenti (in totale i dentisti del Ssn sono appena 93). Praticamente scomparsi.Tutto questo può tradursi in una oggettiva incapacità del SSN di assistere e curare al meglio i cittadini.

L’Osservatorio Sanità Digitale di AIDR si pone, sempre più insistentemente, come interlocutore tra cittadino e istituzioni nell’offrire soluzioni e valide alternative che, grazie all’utilizzo della telemedicina, possano da una parte offrire una migliore assistenza e dall’altra, a fronte di un adeguata, puntuale e personalizzata cura, una riduzione dei costi sanitari. Con un’informatizzazione completa della sanità si potrebbe infatti risparmiare fino al 5% della spesa sanitaria. Inoltre, il digitale, promuovendo la consultazione e cura a distanza, rende i risparmi fino al 20% nel caso di malati cronici. In questo caso pur parlando di tagli in sanità, i risparmi sarebbero a fronte di investimenti. Oggi la spesa sanitaria si aggira intorno ai 150-160 miliardi, di cui 110-120 garantiti dallo stato, il resto dai singoli cittadini.

Le nuove tecnologie, a fronte di una migliore qualità e assistenza, offrono un oggettivo risparmio. Su questo noi dell’Osservatorio insisteremo sempre e ci faremo promotori”.

 

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sicurezza bis, Mattarella “salva” il governo: rinviato il divorzio Lega-M5S

Articolo successivo

UMBRIA FILM FESTIVAL 2019

0  0,00