disfunzione erettile pillole in farmacia senza ricetta aveggio antibiotico costo se prendo un antibiotico poi posso proseguire con il generico dove posso acquistare cialis generico sicuro la pillola cialis quanto dura l'effetto viagra generico nome prodotto samyr farmaco antidepressivo farmaci pressione bassa lasix ricette per viagra levitra generico 40 mg farmaci antivirali per influenza intestinale priligy 60 mg in farmacia comprare viagra a cuba costo antibiotici in europa se prendo 2 cialis da 10mg cosa succede cosa succede se si prende cialis scaduto come comprare cialis o viagra senza ricetta nuovi farmaci per disfunzione erettile 2014 cura costite lasix paesi ue viagra senza ricetta vardenafil sildenafil levitra viagra viagra in farmacia costo viagra 50 mg online buy kamagra oral jelly online uk cialis acquisto sicuro viagra da europa senza dogana spedizione gratis ricetta reperibile online per cialis viagra gel online uno prende almarytm può usare viagra se prendi il viagra serve un protettore gastrico antibiotico klacid comprare pillole viagra a cosa servono dosaggio di lasix per cani levitra 10 mg orodispersibile prezzo in farmacia viagra generico italia consegna 24 ore

Esce nelle sale Charlie Says, un film di Mary Harron

2 minuti di lettura

Esce nelle sale giovedì 22 agosto, distribuito da No.Mad EntertainmentCharlie Says, un film di Mary Harron (Ho sparato a Andy Warhol; American Psycho), interpretato da Hannah Murray, Sosie Bacon, Marianne Rendon, Marritt Wever, Grace Van Dien nel ruolo di Sharon Tate e Matt Smith (già protagonista della serie Dr Who) nel ruolo di Charles Manson. Il film, già presentato alla Mostra del Cinema di Venezia e al Tribeca Film Festival, sarà parte di Moviement, il progetto triennale promosso dall’industria cinematografica – gli esercenti Anec e Anem, i distributori e produttori Anica insieme ai David di Donatello, al MiBAC e ai talent – creato per rilanciare il cinema in sala per tutto l’anno con l’obiettivo di creare un mercato estivo.

Charlie Says, sceneggiato da Guinevere Turner (Go Fish), alla sua terza collaborazione con la regista, è un viaggio nella mente di Charles Manson, musicista, manipolatore e mandante degli efferati omicidi che sconvolsero gli USA nell’estate del 1969, tra cui l’assassinio di Sharon Tate. Il film si addentra nella psiche del leader criminale, attraverso gli occhi di Karlene Faith, psicologa di tre giovani donne entrate a far parte della setta, dopo aver subito il lavaggio del cervello, e condannate all’ergastolo. In una escalation di follia e annullamento della volontà, viene ripercorsa la vita all’interno della “Famiglia Manson” e il rapporto di queste giovani con l’uomo che ha segnato le loro vite. Che potere aveva Charles Manson sulle sue prede? Cosa è scattato nella loro mente?

Questo film – dichiara la regista – non è un’opera a difesa delle colpevoli. Ho cercato di comprendere come e perché queste giovani donne siano arrivate a fare cose terribili. Il film è una storia drammatica sugli anni Sessanta. Ha attinenza con i giorni nostri e la gente troverà dei parallelismi con eventi di oggi. ma parla anche di questioni senza tempo, di abuso e dominio, cose che sono successe nelle famiglie, nelle relazioni e nelle società nel corso della Storia”.

Vittorio Zenardi

Innamorato della settima arte, mi laureo in Lettere all'Università degli Studi di Firenze con una tesi in Storia e Critica del Cinema. La passione per il giornalismo mi porta a Roma dove collaboro con riviste cartacee e testate online che mi permettono di diventare prima Critico cinematografico SNCCI poi giornalista. Seguo come inviato i maggiori Festival internazionali, ho fondato l’Associazione Italian Digital Revolution dove ricopro il ruolo di Membro del Consiglio Direttivo e Responsabile del Sito e dei Social Media.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Olivier Dubois porta in scena MY BODY OF COMING FORTH BY DAY

Articolo successivo

Milano-Cortina 2026, non è il modello-Expo, ma un miracolo italiano

0  0,00