/

Nove vite: il nuovo videoclip di Serena Finatti dedicato al Gatto e al nostro egoismo

2 minuti di lettura
Serena Finatti restituisce immaginazione ad uno dei suoi brani più sentiti, Nove vite. Scritto nel 2018 è una delle tracce di Fragile e fiera e parla degli amici più cari a Serena, gli animali. Con la regia di Giuliano Michelini Nove vite diventa videoclip per raccontare, attraverso la storia di un gatto, anzi del Gatto, la complessa realtà  – fra muri alzati ed una vita innaturale – degli animali che ci circondano. In uscita il 18 giugno, prosegue l’attività del canale YouTube dell’artista friulana, che si sta impegnando a pubblicare un nuovo video ogni giovedì.

Lockdown. Un fermo immagine: piazze, strade, cortili deserti. Noi esseri umani chiusi dentro e la Natura finalmente libera fuori, per settimane. Una libertà che ha regalato agli animali, in pochissimo tempo, sicurezza e coraggio di riprendersi gli spazi che per troppo tempo hanno dovuto evitare (gli animali selvatici) o condividere con l’umano padrone.

Girato immediatamente prima dell’arrivo della Pandemia il videoclip denuncia l’egoismo dell’uomo che ha rubato alla natura il suo spazio, soffocandone l’esistenza. 

I gatti, animali tra i più simbolicamente legati all’idea di libertà, è confinato nelle case, o nei gattili, perché l’uomo non li vuole vedere in giro. L’uomo sfreccia sull’asfalto perché è la SUA strada, l’uomo non si ferma perché NON ha tempo. E il gatto si ritrova a lottare, resistere, doversi sottomettere, soffrire, morire, per poter avere ciò che resta di un bosco, un albero sotto il quale riposare, aria, terra, acqua, cibo. La lotta più pericolosa non è con il lupo, con il cinghiale o con la iena, ma con l’uomo egoista e ingannatore, che con una mano accarezza e con l’altra soffoca.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

App e wearable devices: Il contact tracing tra bisogno di sicurezza e sorveglianza

Articolo successivo

Regionali, primi sondaggi e sorprese in Puglia e Campania

0  0,00